Perdite di sangue dopo rapporto sessuale: cause?

di Cinzia Iannaccio 1

Può capitare di avere perdite di sangue dopo un rapporto sessuale, ma quali sono le cause? Da cosa può dipendere? Con il termine sanguinamento post-coitale nelle donne si intende una anomala perdita di sangue dalla vagina dopo un rapporto intimo che può essere più o meno abbondante (in genere lieve, dei filamenti rosa che si riscontrano nel muco) e recidivante. La preoccupazione scatta automaticamente, ma quando è giusta e quando invece si può stare tranquille?

Cause comuni

Come è noto, non deve spaventare più di tanto se si è appena vissuta la “prima volta” (o si è ai primi approcci, più in generale) perché va ricondotta ad una naturale rottura dell’imene. In tal caso, il sanguinamento non è sempre presente o rilevabile, ma può capitare e non deve spaventare.
In altre situazioni, magari dopo un rapporto sessuale violento, o con la vagina non lubrificata (secchezza vaginale) è possibile che ad una penetrazione dolorosa corrisponda anche una lesione con emissione ematica.

Si tratta di situazioni episodiche e motivate con certezza, che difficilmente, se non per quantità ingente di sanguinamento devono indurre a consultare un medico (fatta ovviamente eccezione di una violenza sessuale subita). Per il resto, qualunque perdita di sangue anomala lontano da un ciclo mestruale va segnalata ed indagata, sia che avvenga subito dopo un rapporto sessuale che non.

 

Quando bisogna preoccuparsi: cause da non trascurare

Le cause di perdite di sangue dalla vagina dopo un rapporto sessuale possono essere numerose. Alcune molto pericolose e per questo vanno escluse a priori con delle indagini diagnostiche. Altre invece possono arrecare dolori e disturbi tali da interferire con la vita delle donne e quindi meritano di essere diagnosticate. Tutte e sempre vanno curate. Queste le principali:

 

  • Piaghetta del collo dell’utero (ectopia)
  • Displasia cervicale (provocata dal virus HPV)
  • Vaginite (infiammazione della vagina provocata da infezione)

 

Diagnosi

E’ importante parlare con il ginecologo se si hanno episodi di perdite di sangue dopo un rapporto sessuale. Questi vi sottoporrà ad una visita e probabilmente ad alcune indagini diagnostiche mirate, come l’ecografia trans vaginale e/o addominale, pap- test ed eventualmente colposcopia e biopsia o isteroscopia, per trovare la causa scatenante il sanguinamento.

 

Leggi anche:

Perdite vaginali dopo rapporto sessuale, sempre normali?

6 Sintomi ginecologici pericolosi FOTO e cause

10 Cause di sanguinamento vaginale post-coitale (FOTO)

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>