Virus zika e rapporti sessuali, nuove linee guida Oms

Arrivano le nuove linee guida dell’Oms per quanto riguarda i rapporti sessuali per coloro che in qualche modo sono venuti a contatto con il virus Zika. Per evitare qualsiasi rischio di contagio, l’Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia di astinersi dal sesso per almeno sei mesi o di avere rapporti sessuali rigorosamente protetti.

Malaria, prevenzione con profilassi

La malaria è una malattia mortale che ancora oggi uccide un bambino ogni due minuti e un totale di 430 mila persone l’anno. Prevenzione e profilassi sono due concetti importantissimi nella guerra a una patalogia sottovalutata la cui trasmissione avviene essenzialmente tramite la puntura della zanzara che ne è vettore.

Virus Zika, contagio tra famigliari?

Virus Zika: è possibile un contagio tra famigliari o tra malato e caregiver? E’ questa la domanda che i maggiori esperti statunitensi si stanno ponendo in queste ore dopo un contagio definito “insolito” avvenuto in Utah nei giorni scorsi.

Virus Zika sintomi, contagio, rischi e cure

Che cos’è il virus Zika di cui si sente tanto parlare in questi giorni? Si tratta di un patogeno che si trasmette con le punture di zanzare infette del genere Aedes, in modo particolare da Aedes aegypti nelle zone tropicali, e che nelle ultime settimane sta mettendo paura all’intera America centro-meridionale. Provoca rischi molto alti per l’uomo: disordini neurologici, malformazioni sui bambini. Sintomi, contagio, rischi e cure del virus Zika: ecco tutto quello che c’è da sapere per tutelare la propria salute e quella degli altri.

Epidemia di colera in Sudan: 32 vittime

Un epidemia di colera è attualmente in atto nel sud del Sudan: le vittime al momento sono almeno 32. Cinque di loro sono bambini. Secondo gli esperti proprio l’ambiente scolastico avrebbe avuto un ruolo cruciale nell’espandersi del contagio.

Influenza, si prolungano i contagi

L‘epidemia di influenza di questo 2014 si sta prolungando più del previsto e pur essendo in fase calante continua a mietere vittime in tutta Italia distribuendo febbre, raffreddore e malanni di ogni sorta.

Mers, nuovo coronavirus proviene dai cammelli?

La Mers, il nuovo coronavirus conosciuto anche come “nuova Sars” proverrebbe da cammelli e dromedari. Sarebbero infatti loro i possibili serbatoi del virus. A suggerire questa ipotesi ci pensa uno studio recentemente condotto dal National Institute for Public Health and the Environment di Bilthoven in Olanda e pubblicato sulla rivista di settore The Lancet Infectious Diseases.

Mers diversa dalla Sars, ecco perchè

La Mers e la Sars, per la similarità di alcuni sintomi e la potenziale mortalità sono sempre state comparata l’una con l’altra. Uno studio condotto dal dottor Abdullah Assiri e pubblicato sulla rivista di settore The Lancet Infectious Diseases ci spiega che vi sono delle sostanziali differenze.

Aviaria, Oms: no al panico per i contagi

Si espande lento ma continuo il contagio del nuovo ceppo di aviaria in Cina, che dai quattro sporadici casi della scorsa settimana ha già raggiunto le 21 persone colpite. Sale la mortalità, ma l’Organizzazione mondiale della Sanità invita alla calma: non vi è ancora contagio tra gli esseri umani.

Influenza: due metri il raggio di azione del virus

Quest’anno l’influenza sta colpendo in maniera molto più forte rispetto al passato. In parte è colpa dei ceppi dei virus interessati, in parte della carica virale che l’agente patogeno possiede soprattutto nei luoghi nei quali sono presenti i malati più gravi. Lo rivela uno studio americano, che stabilisce in due metr

Mononucleosi: incubazione, sintomi e cura

 

La mononucleosi (o mono) è una malattia infettiva nota anche come malattia del bacio o febbre ghiandolare. Non a caso infatti è diffusissima tra gli adolescenti proprio nell’età in cui si comincia ad amoreggiare: ha una particolare incidenza nelle persone tra i 15 ed i 24 anni. E’ solitamente causata dal virus Epstein-Barr (EBV), provoca stanchezza ed altri lievi sintomi che nella maggior parte dei casi passano inosservati o vengono confusi con una influenza o malattia da raffreddamento. Si ritiene che più del 90% della popolazione adulta abbia contratto il virus senza averne memoria.

Influenza? Nei bambini il contagio sarebbe maggiore se appartenenti allo stesso sesso

L’influenza? Il contagio è maggiore se si appartiene allo stesso sesso. Ogni tanto si leggono queste notizie curiose che comunque hanno una validità scientifica. Ebbene questo sembra essere vero almeno per 370 bambini di una scuola elementare della Pennsylvania. Il ricercatore Simon Cauchemez ed altri colleghi hanno analizzato matematicamente come le reti sociali abbiano influenzato la diffusione del virus H1N1 al principio dell’allarme pandemia nel 2009. Gli autori hanno valutato con l’ausilio della scienza statistica un alto numero di parametri: dalla posizione dei banchi, agli orari di ingresso a scuola, ai percorsi per tornare a casa, ecc. Il tutto confrontato con i dati sui contagi emessi dal Centro per il Controllo delle Malattie (Cdc) di Atlanta e dalle autorità sanitarie locali, che hanno voluto l’indagine.

Aids, la pillola preventiva funziona

Una buona notizia che infonde speranza nel porre un freno all’epidemia di Aids, arriva dal fronte della ricerca e della sperimentazione. Il New England Journal of Medicine riporta infatti che Truvada, la pillola preventiva contro l’Aids, funziona o meglio ha una buona percentuale di successo nell’abbassare le probabilità di contagio in chi ha rapporti sessuali a rischio.

Il farmaco è stato sperimentato nell’ambito dello studio iPrex su un campione di 2.4999 uomini sieronegativi, gay, transgender e bissessuali, di sei diversi Paesi (Brasile, Perù, Ecuador, Sudafrica, Thailandia, Stati Uniti), ed ha fatto registrare un decremento del 44% dei casi di malattia e del 70% per quanto riguarda invece le probabilità di contrarre l’infezione. Truvada è un mix che si compone di due diversi farmaci, emtricitabina (200 milligrammi) e tenofovir (300 milligrammi), e va assunto quotidianamente.