Meteorismo: sintomi, cause, rimedi e dieta


Con il termine meteorismo ci riferiamo all’accumulo di gas in eccesso nello stomaco e nel tratto intestinale. Le dirette conseguenze sono gonfiore e distensione addominale. Per espellere l’aria in eccesso, il corpo ricorre in modo naturale alla flatulenza e all’eruttazione. Normalmente ognuno di noi, nel corso della giornata, produce fino a 2 l di gas attraverso l’ano o la bocca. Nelle sue forme più o meno accentuate, il meteorismo interessa circa 4 persone su 10 in tutto il mondo.

Lingua bianca e impastata: cause

La lingua bianca e impastata è un disturbo piuttosto comune. Le cause possono essere diverse, dalla cattiva igiene orale all’alimentazione scorretta sino alla micosi e alle patologie del fegato e dell’intestino. In ogni caso è indice di uno stato di malessere. Vediamo insieme cosa fare.

Le virtù degli oli vegetali per il benessere del corpo

Gli oli vegetali sono dei preziosi alleati per il benessere del nostro corpo. Proteggono l’intestino, riattivano il metabolismo e aiutano a combattere stipsi e colesterolo. Gli oli vegetali sono sostanze ricche di acidi grassi essenziali, in grado di lubrificare l’intestino, di risvegliare il metabolismo impigrito, di ripulire il sangue da colesterolo e trigliceridi, di rendere la pelle luminosa e aiutano ad affrontare meglio anche le ondate di caldo.

Bruciore di stomaco, colpisce il 20% degli italiani

Il 20% degli italiani soffre di bruciore di stomaco, con prevalenza di donne, un disturbo fastidioso, che mina la qualità della vita. Da oggi, per imparare a riconoscere i sintomi e avere suggerimenti utili su come combatterlo, si può visitare il sito Osservatorio bruciore di stomaco, che si avvale della collaborazione di esperti in diverse aree, come gastroenterologi e dietisti.

Infiammazioni: un aiuto dal balsamo di copaiba

Il balsamo di copaiba è un olio naturale dalle proprietà antinfiammatorie e antibatteriche. Tale sostanza oleosa, si ricava da un albero che cresce nella fascia tropicale, attraverso un tubicino di bambù che viene inserito nel tronco e da cui defluisce la resina. Tutt’oggi, quest’olio è impiegato dalle popolazioni amazzoniche (Curanderos) per curare ferite, infiammazioni, morsi di insetti e disordini della pelle. Il balsamo di Copaiba è stato registrato nella medicina europea nel 1625 come gastroprotettivo e antinfiammatorio. Contiene circa il 60% di olio essenziale il cui principale componente è il beta-Carofillene (480.000 parti per milione).

L’uso del balsamo di copaiba, oggi è molto diffuso soprattutto in America latina, nonostante la sua caratterizzazione chimica, variabile da specie a specie, sia ancora poco nota, così come i suoi principi attivi. Ma la resina trova impiego in molte preparazioni medicinali, sia ad uso interno, che esterno come analgesico e antinfiammatorio (per ferite, dermatite, punture di insetto, psoriasi); come agente antisettico, disinfettante e antimicrobico per le infezioni batteriche interne ed esterne (bronchiti, sinusiti, cistiti, etc..), per i funghi della pelle, per ulcere dello stomaco.

Se la nausea non viene da sola…ritroviamo il benessere


I guai, si sa, non vengono mai soli. E anche per la nausea è così. E’, infatti, accompagnata da salivazione abbondante e da conati di vomito, ma passa nel giro di poche ore. Perché, solitamente, la causa scatenante è di poco conto: una cena abbondante, le mestruazioni che stanno arrivando… A volte, invece, il fastidio perdura. E, allora, conviene indagare. Individuare e riconoscere in fretta alcuni malanni ci può aiutare a risolvere il problema.

Quando la nausea si accompagna a disturbi gastro-intestinale, provocano dolore e crampi gastrici, bruciore, vomito e, a volte, diarrea e febbre. La soluzione è una dieta sana e magra, senza cibi piccanti, fritti, intingoli, salumi e alcolici (no anche al fumo).Se però dopo una settimana i sintomi persistono meglio rivolgersi allo specialista.