Salute degli occhi e esposizione solare

Proteggere la salute degli occhi è fondamentale perché sono molte, purtroppo, le malattie della vista che troppo spesso vengono sottovalutate. E anche una non corretta esposizione al sole, che è tra le cause principali di problemi alla vista, tende spesso a essere sottovalutata.

Crema solare, come scegliere quella giusta

La scelta della crema solare è molto importante quando ci si appresta a stare sotto il sole: è infatti in grado di proteggere la pelle dai raggi ultravioletti prevenendo leggere ustioni e fastidiosi eritemi. Ma come scegliere la crema solare giusta? Quali caratteristiche deve avere il prodotto per assolvere correttamente le sue funzioni?

Rimedi omeopatici contro scottature da sole

E’ tempo di mare e di sole, ma come prevenire le scottature con rimedi omeopatici che siano in grado di proteggere la pelle, anche quella più chiara, dai possibili danni dei raggi ultravioletti?

Andare al mare migliora l’umore

Il mare migliora nettamente l’umore ed è per questo che gli italiani vi ricorrono non appena possono. Secondo un sondaggio realizzato da Expedia, il 46% degli intervistati ha dichiarato di sentirsi più felice quando ha la possibilità di regalarsi qualche giorno di mare in pieno relax.

Preparare la pelle all’esposizione al sole

Meteo permettendo, la data sul calendario ci dice che è ora di andare al mare a prendere il sole. Una abbronzatura omogenea e luminosa è frutto di un’adeguata cura della pelle, che deve essere esposta con gradualità e le dovute protezioni dai raggi nocivi. Importante però è anche la condizione in cui la cute arriva  al sole: occorre prepararla adeguatamente. La cura della pelle è frutto di un impegno che si prolunga nel corso di tutto l’anno, con una sana e costante idratazione. Ma molto si può e si deve fare anche all’ultimo momento, poche settimane e/o giorni prima di esporsi al sole. Cosa? Vediamolo insieme.

Psoriasi: l’esposizione al sole allevia i sintomi

Molti pazienti affetti da psoriasi, specialmente quelli che abitano in zone in cui nella maggior parte dell’anno il sole è solo un miraggio, aspettano con ansia l’estate per poter vedere i propri disagi alleviati. Secondo il direttore della Clinica Dermatologica dell’Università di Padova e Presidente della Sidemast (Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse) dr. Andrea Peserico, intervistato dal Corriere della Sera, questo è in parte vero, ma come sempre, bisogna evitare di esagerare.

Il bracciale anti-scottatura solare, in arrivo da oltremanica una rivoluzione nella protezione della pelle

E’ in arrivo da oltremanica un rivoluzionario braccialetto anti-scottature che ci avvertirà tempestivamente quando staremo per bruciarci la pelle. A brevettarlo sono stati i ricercatori della Strathclyde University di Glasgow, e il braccialetto verrà testato proprio nei prossimi mesi estivi.

Sappiamo bene che l’estate sembra ancora lontana, visto le condizioni meteorologiche instabili che stanno vestendo d’incertezza la nostra Penisola, ma a conti fatti, alla stagione calda manca davvero poco. L’arrivo delle belle giornate coinciderà con la prima esposizione al sole, e c’è chi già ne ha approfittato nel week-end di Pasqua, per i pochi fortunati che hanno goduto di spiagge non funestate da nubi minacciose. Ebbene, come ogni anno dermatologi ed esperti si sprecheranno in giusti consigli e avvertimenti sulla protezione della pelle dai raggi solari, in particolar modo i primi giorni di esposizione, e con più accorgimenti nelle ore più calde.

Guerra alle rughe: rimedi e suggerimenti per rimanere sempre giovani

Mettiamoci subito l’animo in pace: l’invecchiamento cutaneo -come del resto quello di ogni altra parte del nostro corpo – è un processo biologico naturale e perciò inevitabile, dovuto a fattori genetici ed ambientali. Stile di vita, abitudini alimentari, stress, fumo di sigaretta ed esposizione solare concorrono, in varia misura, a determinare modificazioni a livello cellulare e strutturale, che si traducono in un progressivo, lento mutamento dell’aspetto esteriore della nostra pelle.

Possiamo coglierne i primi segni già a partire dai trent’anni: sulla fronte, tra le sopracciglia, ai lati degli occhi e della bocca fanno la loro comparsa le prime rughe d’espressione, dovute ai continui movimenti mimici del volto e ad una concomitante, iniziale perdita di elasticità della cute. Verso i quaranta, soprattutto negli individui che si sono esposti al sole in modo prolungato ed eccessivo. ad un’ulteriore diminuzione del tono generale della cute – con la classica modificazione dell’ovale del viso – cominciano ad affiancarsi le prime macchie scure su fronte e zigomi. La pelle risulta sempre più incapace di trattenere adeguate quantità di acqua e la sua superficie può apparire arida, opaca.