Diabete e problemi ai denti

 

 

Diabete e problemi ai denti hanno purtroppo una storia comune: chi soffre di quella malattia metabolica vive una incidenza più alta di problemi alle gengive e rischia di sperimentarli in modo più grave rispetto alla popolazione sana.

5 cause del mal di denti

Il mal di denti è uno dei dolori spesso più insopportabili per le persone: acuto e pulsante è in grado di far perdere la testa. Vogliamo vedere  insieme le 5 cause del mal di denti più comuni? Eccole.

Come curare mal di denti se il dentista non c’è


Il mal di denti è uno dei dolori più fastidiosi da sopportare ed ecco che il dentista diventa la sola e unica ancora di salvezza: ma che fare se il mal di denti ci colpisce in vacanza quando non abbiamo la possibilità di farci curare subito?

Chamomilla: indicazioni d’uso e posologia

Il rimedio omeopatico di Chamomilla si ottiene dalla tintura della camomilla comune e dalle successive diluizioni e dinamizzazione in soluzione idroalcolica. Questa pianta, che spontaneamente nei prati e in aperta campagna, è ricca di principi attivi importanti, come il camazulene, che ha un’azione antinfiammatoria ed antiallergica, diversi flavonoidi, le cumarine, che hanno proprietà spasmolitiche e polisaccaridi, che hanno un effetto immunostimolante. Vediamo insieme le indicazioni d’uso del rimedio omeopatico e la posologia.

Mal di denti, trova dentista ANDI aperto ad Agosto

Il mal di denti arriva sempre nei momenti meno opportuni. E se dovesse capitare in vacanza? Non siamo qui a fare gli “uccelli del malaugurio”, ma a tranquillizzarvi: potrete partire sereni perché ancora una volta torna l’iniziativa “Sorrisi d’Agosto” voluta ed organizzata dall’ANDI (Associazione Nazionale Dentisti Italiani). Per il sesto anno consecutivo infatti una rete di odontoiatri creata ad hoc fornirà le proprie prestazioni anche nel mese di Agosto, in tutta Italia, compresi i luoghi di vacanza.

Mal di denti, un aiuto da un’erba amazzonica

Contro il mal di denti esiste un’erba amazzonica che allevia il dolore anche se solo masticata. E’ conosciuta con il nome di Acmella oleracea, meglio nota come Crescione di Para, e nella medicina tradizionale si conosce da tempo per le sue proprietà digestive e diuretiche. Secondo una ricercatrice dell’Università di Cambridge, questa pianta tropicale è anche un potente analgesico già in uso presso gli Inca.

Mal di testa, dolori muscolari ed altri malanni curabili in cucina (prima parte)

Lo sapevate che è possibile alleviare i dolori più comuni e con semplici ingredienti presenti nella vostra cucina? E’ risaputo infatti che i rimedi naturali (detti anche della nonna) molto spesso sono sufficienti a far passare molti malanni comuni, dunque prima di ricorrere ad aspirine o altri farmaci, date un’occhiata al seguente elenco di “trucchi” naturali per dare sollievo al dolore.

Mal di denti in gravidanza: è normale, ma che fare?

Il mal di denti è uno dei disturbi più frequenti che lamentano le donne in gravidanza. La ragione riguarda il fisiologico cambiamento ormonale, che può portare a carie e gengivite. Le mucose del corpo umano, in questa fase tendono ad allentarsi (proprio per permettere all’organismo di fare spazio al bambino e di preparare il “passaggio”per il parto). Ma accade che anche le gengive si modificano, provocando un maggior ristagno di cibo, placca e batteri, che si sviluppano nelle classiche doloranti gengive infiammate e sanguinanti. Ciò porta la gestante a non attivarsi alla perfezione nella pulizia dei denti e dunque a peggiorare lo status nel cavo orale. Il mal di denti diventa una costante! Da qui le frequenti carie e parodontiti durante la gravidanza. E allora, visto che tutto ciò è normale, cosa bisogna fare? Sopportare in attesa che tutto passi?

Mal di denti: curarlo con l’aglio

Mal di denti: insopportabile ed improvviso, si manifesta sempre nei momenti meno opportuni, quando cioè diventa complicato contattare il medico dentista: la notte, il sabato mattina, in vacanza ecc….E allora che fare? In commercio esistono dei farmaci da banco antidolorifici come il paracetamolo o libuprofene, ma se non li abbiamo nel nostro armadietto dei medicinali o comunque non vogliamo assumerli, non ci restano che i rimedi naturali, quelli tradizionali della nonna. Ve ne sono diversi per trattare il mal di denti. Tra questi sembra avere una estrema praticità ed una rapida oltre che concreta efficacia l’aglio, un prodotto onnipresente nelle cucine italiane.

Denti cariati: presto la rigenerazione con una nuova tecnica

Una nuova ricerca segnala un importante progresso verso la prossima generazione di uno dei trattamenti più comuni nell’odontoiatria: la cura della carie. Oggi la terapia prevede che i denti vengano devitalizzati, lasciando un dente “morto” in bocca. La nuova tecnica invece darà nuova vita ai denti malati, lasciandoli come nuovi dopo il trattamento.

In un rapporto pubblicato sulla rivista mensile ACS Nano, Nadia Benkirane-Jessel dell’Institut National de la Santé et de la Recherche Medicale di Parigi ha descritto la tecnica innovativa nel suo genere, la quale utilizza una pellicola dentale di dimensioni nanometriche per evitare di perdere un dente, sostituirlo o installarvi una protesi.

Mal di denti? Prova con l’agopuntura

Un piccolo studio pubblicato su Acupuncture in Medicine suggerisce che l’agopuntura può calmare pazienti molto ansiosi che soffrono di mal di denti, quelli cioè che per paura del trapano o che tremano soltanto all’idea di incontrare un dentista, preferiscono evitare la visita. Essa aiuta a garantire che essi ricevano il trattamento di cui necessitano.

Si stima che in circa una persona su venti la visita dal dentista provoca estrema paura e ansia. Questo può anche impedire loro di cercare aiuto per risolvere il problema. Si tratta di una condizione chiamata odontofobia. Gli studi indicano che fino a un terzo dei pazienti di un trattamento odontoiatrico sia affetto da ansia moderata. I risultati sono basati sullo studio di sedici donne e quattro uomini di otto diversi studi dentistici.

Dolore da acuto a cronico se curato con il fai da te

La metà degli “over 60” europei hanno convissuto con un dolore intenso per almeno 6 mesi. Questo il dato calcolato sul campione di 30mila pazienti che si sono rivolti recentemente ai Centri di medicina del dolore. Ma se il dolore cronico colpisce soprattutto gli anziani, questo può avere origine nell’errato trattamento di dolori acuti precedenti. Sono a volte proprio i più giovani che sottovalutando il dolore, ricorrendo a cure “fai da te” per la fretta e il bisogno di essere sempre “al massimo”, si espongono al rischio di trasformare l’evento doloroso isolato non curato in dolore cronico, cioè in malattia.

Per questo due studi tutti italiani sono tornati sul trattamento del dolore, confermando gli effetti di molecole come il rofecoxib: farmaci “ecologici”; specifica il primario neurofisiologo alla Fondazione Maugeri che ha condotto uno degli studi, Roberto Casale

“che oltre a curare velocemente e bene, potenziando il naturale meccanismo di controllo del dolore dell’organismo grazie al forte potere antalgico, agiscono nel pieno rispetto dell’ “ambiente-uomo”, con i minori effetti collaterali possibili. I farmaci giusti alzano la soglia del dolore, facendoci guadagnare più potere antidolorifico. L’inibitore della cox2 ha mostrato un picco d’azione a soli 15-20 minuti nei pazienti sottoposti a stimolo elettrico all’arto inferiore e maggior sicurezza, in particolare meno effetti gastrici, degli altri farmaci somministrati”

Farmaci da banco: ecco quali mettere in valigia

Siete in partenza per le tanto agognate ferie d’Agosto? Allora non dimenticate di mettere in valigia qualche farmaco nel caso dovessero insorgere lievi problemi di salute che rischiano di rovinare le vostre giornate di meritato relax. Naturalmente facciamo riferimento a piccoli disturbi per i quali è possibile fare ricorso all’automedicazione attraverso i cosiddetti farmaci da banco, quelli cioè per i quali non è necessaria la prescrizione del medico, contrassegnati da un apposito bollino.

Ma vediamo quali sono i farmaci da automedicazione che è più opportuno mettere in valigia per fronteggiare ogni imprevisto:

Anzitutto non dimenticate gli antistaminici per le punture d’insetto e i sintomi di eventuali reazioni allergiche, gli antidolorifici e gli antipiretici utili in caso di episodi febbrili;