Certificato medico porto d’armi, come si richiede

Come si richiede il certificato medico per il porto d’armi?  Vediamo insieme quali sono i requisiti psicofisici minimi per  ottenere il rilascio o il rinnovo. E’ necessario sottolineare che a seconda dell’uso (caccia e sport o difesa personale, N.d.R.) si tratta di ottenere due idoneità differenti.

Ricetta medica cartacea addio?

Addio alla vecchia ricetta bianca e rossa così come la conosciamo. A fare da apripista ci penserà la Sardegna: dal 15 aprile niente più ricetta cartacea ma una online, direttamente proposta al sistema dal medico prescrivente.

Rivoluzione nel SSN: il medico di famiglia h24

In arrivo nuovi cambiamenti nel comparto sanità: questa volta toccano il medico di famiglia. Non solo in merito alla sua reperibilità, che potrebbe arrivare a toccare le ventiquattro ore al giorno, sette giorni alla settimana, ma in merito alla sua completezza. E’ al vaglio del Ministero la creazione di uno “studio medico di fiducia” composto anche da infermieri  e medici specialistici con apparecchi diagnostici di base.

Salute, prima del medico c’è Internet

Prima del medico arriva internet. Soprattutto se si hanno bisogno di maggiori delucidazioni in campo oncologico o relativamente ad una malattia specifica.  E gli italiani seguono il trend alla pari di tutte le algtre popolazioni mondiali. Secondo quanto riportato nell’Annuario Scienza e Società 2011 di Observa infatti almeno un italiano su 5 fra i 16 e i 74 anni usa la rete per cercare indicazioni mediche.

Diagnosi rapida, entro due anni arriverà il chip che rileverà le malattie in pochi secondi

Presto il vostro medico non dovrà più inviare i campioni di cellule del sangue al laboratorio. Un piccolo chip darà i risultati del test immediatamente. Oggi, un campione di sangue deve essere sottoposto ad una serie di processi complessi, come la centrifugazione, trattamento termico, la miscelazione con gli enzimi e la concentrazione dei marcatori della malattia. Questo significa che i campioni inviati ai laboratori di analisi possono aver bisogno di settimane prima che terminino tutti i controlli e diano risultati.

La stessa cosa accade quando le donne si sottopongono a test per il cancro al collo dell’utero attraverso una raschiatura delle cellule dalla cervice. I campioni vengono poi inviati e studiati al microscopio. Il tasso di errore diagnostico può essere alto, ma presto tutte queste controindicazioni potrebbero essere annullate.

I disturbi psicosomatici

Più del 30 per cento dei pazienti si rivolge al me­dico di famiglia per pro­blemi che non hanno una causa organica. Disturbi cronici classi­ficati come funzionali – proble­mi digestivi o respiratori, dolori articolari, mal di testa – che por­tano a visite specialistiche, esa­mi su esami tutto senza trovare una soluzione. In termini generali, le malat­tie psicosomatiche sono quelle condizioni patologiche che si pos­sono considerare malattie vere e proprie e che comportano danni a livello organico essendo causate (o aggravate) da fattori emozionali.

La malattia psicosomatica si manife­sta a livello fisico ma è provocata, scatenata o aggravata da fattori psi­chici. Molti disturbi psicosomatici hanno un’origine multifattoriale, ovvero si manifestano soltanto in presenza di più fattori che agiscono insieme. Un approccio terapeutico efficace dovrebbe perciò tenere conto di tutti questi fattori. Accade spesso che l’aspetto psicolo­gico non emerga perché i disturbi si manifestano solo a livello fisico e né il medico, né tanto meno il paziente, sospetta la presenza di altre cause.