Meningite batterica e virale, le differenze

Il 2016 è stato caratterizzato, tra le altre cose, da un’epidemia di meningite. Il numero sempre crescente di casi ha portato alcune regioni a mettere a punto piani di vaccinazione per evitare un numero maggiore di contagi. Vediamo insieme la differenza tra meningite batterica e virale.

Vaccino meningite, costo e quanto dura

Quale è il costo di un vaccino contro la meningite e quanto dura il suo effetto? Il nuovo crescere di casi degli ultimi mesi sta spingendo sempre più persone a volere usufruire dell‘immunizzazione offerta dal farmaco. Scopriamo maggiori dettagli sullo stesso.

Meningite, sintomi, terapie e vaccini per prevenirla

Il terzo caso di meningite registrato in Toscana negli ultimi otto giorni ha indotto l’Asl 10 di Firenze a illuminare tutti su quelli che possono essere i sintomi, le terapie possibili e i vaccini per prevenire questa malattia che nei suoi casi più gravi può portare anche alla morte.

Stamina, rapporto commissione: il metodo non funziona

Sul metodo Stamina si è ad un momento cruciale: mentre dal Ministero fanno sapere che una nuova commissione scientifica verrà istituita dopo la bocciatura giunta da parte del Tar, iniziano ad uscire, per mezzo stampa, indiscrezioni sulle cartelle cliniche dei pazienti curati che mostrano come il protocollo non funzioni affatto.

Meningite B, vaccino in commercio entro l’anno

Entro la fine dell’anno la Novartis dovrebbe mettere in commercio il vaccino contro le meningiti causate dal meningococco B. Questo batterio è responsabile del maggior numero di casi di questa patologia in Italia, fattore che rende il  farmaco davvero importante per la nostra salute.

Meningite: perchè il vaccino è importante

Perché vaccinarsi contro la meningite è importante? Fermo restando che ognuno può avere le proprie convinzioni in materia, cerchiamo di rispondere a questa domanda pensando alla patologia ed agli strumenti che abbiamo per combatterla.

Meningite meningococcica

Meningite meningococcica

La meningite meningococcica è un’infezione che causa gonfiore e irritazione (infiammazione) delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale.

CAUSE: La meningite meningococcica è causata dal batterio Neisseria meningitidis (noto anche come meningococco). La maggior parte dei casi di meningite meningococcica si verificano nei bambini. Il meningococco è la causa più comune di meningite batterica nei bambini e la seconda causa più comune di meningite batterica negli adulti.

Effusione subdurale

Effusione subdurale

L’effusione subdurale, chiamata anche versamento subdurale, è una raccolta di pus sotto il rivestimento esterno del cervello.

CAUSE: Un versamento subdurale è una complicazione rara della meningite batterica. L’effusione subdurale è più comune nei bambini e nelle persone che hanno la meningite da Haemophilus influenzae.

Il vaccino contro la meningite B è efficace per i neonati.

La Fase II della sperimentazione del vaccino contro la meningite B ha dato buoni risultati. In termini medici si chiama meningococco B ed è la prima tra le principali cause che provocano la meningite batterica. Un tipo di meningite che colpisce soprattutto i bambini al di sotto dei 5 anni. Nel 2006 in Italia il meningococco B ha procurato il 63% dei casi di meningite, soprattutto tra i neonati, mentre in Europa ha inciso per il 72% dei casi.

Vaccinazioni infantili contro la meningite: perchè non sono previste?

Ne abbiamo sentito parlare spesso negli ultimi mesi, ha provocato non poche morti e, malgrado gli esperti affermino che l’allarmismo sia ingiustificato, il terrore della diffusione delle meningite dilaga ancora.

Proviamo a scoprirne di più su questa malattia fulminante: la meningite è un’infiammazione delle membrane del cervello e del midollo spinale, causata da agenti patogeni come i batteri, i funghi, i virus e i parassiti. Tre sono gli agenti patogeni, responsabili dell’80% dei casi di meningite di origine batterica:

  • l’Haemophilus influenzae di tipo b
  • lo Streptococcus pneumoniae
  • la Neisseria meningitidis, detta anche meningococco

Meningite: Dopo l’ultimo decesso ecco un nuovo caso in Italia. Informarsi su questa malattia oggi è un dovere.

E’ ancora allarme meningite nel nord Italia. Oggi un ragazzo di 17 anni è stato ricoverato in rianimazione a Venezia e si trova in coma. Le sue condizioni stazionarie e la prognosi riservata. Si tratta di un diciassettenne residente a Zelarono, in provincia di Venezia, ricoverato all’ospedale Umberto I di Mestre. Gli esami, riferisce Onofrio Lamanna, direttore dell’ospedale Umberto I, hanno evidenziato che si tratta di un caso di meningite C.

Questa notizia, che segue i decessi per meningite avvenuti lo scorso Dicembre nel trevigiano è scattato l’allarme su tutto il territorio nazionale. In particolare nel Nord Italia, dove la preoccupazione non si placa dopo la morte del diciannovenne di Seregno, avvenuta all’ospedale di Carate Brianza a Milano lo scorso giovedì. Per tutti e due i casi è stata predisposta la profilassi antibiotica per il personale medico e tutti coloro fra parenti e amici che sono venuti a contatto con i due giovani nelle ore precedenti al loro ricovero.

Sono attualmente in corso ulteriori indagini per stabilire se il ceppo di appartenenza sia lo stesso che ha causato i primi decessi.

Tenuto conto del diffondersi della paura del contagio nella popolazione, il Ministero della Salute ha ritenuto utile diramare un comunicato (21 Dicembre 2007) nel quale fa chiarezza sullo stato attuale della malattia nel nostro paese.

Nel suddetto comunicato la meningite viene definita una patologia “grave ma curabile” che ha esito fatale nel 14% dei casi. I casi di meningite batterica in Italia sono circa novecento all’anno e un terzo di questi è di tipo meningococcico (tasso di incidenza tra i più bassi in Europa) inoltre, grazie al diffondersi dei vaccini, i casi sono in progressiva diminuzione.

Ma vediamo più approfonditamente cos’è la meningite, come si manifesta e come è possibile scongiurarla e curarla.