7 sintomi della meningite da non trascurare

I sintomi della meningite sono tantissimi e in molti casi la loro tempestiva individuazione può salvare la vita di chi viene colpito da questa infezione che però, in alcuni casi, si rivela fatale a prescindere dalla tempestività con la quale viene individuata. Tuttavia è importante sapere quali sono i sintomi più frequenti della meningite. Mettiamoli a fuoco.

Meningite a Roma: meningococco Y uccide bimbo

Il Dipartimento di Malattie Infettive Parassitarie ed Immunomediate dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) ha fatto chiarezza sul caso di meningite a Roma che, purtroppo, ha provocato la morte di un bambino di appena cinque anni che il 6 dicembre scorso era stato portato di urgenza all’Ospedale Sant’Eugenio, prima di essere trasferito al Policlinico Gemelli: a provocare la morte del piccolo, la presenza di meningococco.

Meningite fulminante e non tatuaggio la causa della morte di Federica

E’ stata una meningite fulminante ad uccidere la giovane milanese Federica Iammatteo,  di soli 23 anni che, ricorderete, si è sentita male subito dopo aver fatto un tatuaggio. E’ stata l’autopsia a rivelare la vera causa di morte della ragazza giunta in ospedale ormai in condizioni compromesse da un grave shock settico. Ora si sa che questa condizione è stata provocata dalla “fase finale di uno stato infettivo causato da meningococco”. Ma vediamo nel dettaglio.

Meningite fulminante: sintomi, prevenzione e vaccino

La meningite è un’infiammazione delle meningi che avvolgono il cervello e il midollo spinale. La causa è riconducibile spesso ad un’infezione, che può essere di origine virale o batterica. La forma più comune è la meningite asettica (o virale), causata da un virus appartenente al gruppo degli enterovirus e che generalmente guarisce nel giro di 1 settimana-10 giorni, senza conseguenze gravi per il paziente. La meningite fulminante, invece, è causata dal batterio meningococco e può avere esiti fatali. È detta fulminante perché la diffusione del batterio nel sangue fino ai vari organi è molto rapida e le condizioni possono precipitare anche a distanza di poche ore dall’esordio della malattia, nonostante la cura antibiotica.

Meningite: cause, sintomi e vaccino

La meningite è un’infiammazione delle membrane che rivestono il cervello e il midollo spinale (meningi cerebrali e midollari) e può essere di origine tossica o infettiva. I soggetti a rischio sono di ogni età, sebbene i bambini e gli studenti in generale siano maggiormente esposti. La meningite, infatti, si diffonde facilmente tra le persone che vivono a stretto contatto in ambienti chiusi. I primi sintomi possono essere confusi facilmente con quelli dell’influenza. Vediamo insieme quali sono le cause, i sintomi, l’incubazione e come curarla.

Nuovo vaccino contro la meningite in sperimentazione

Un nuovo vaccino contro la meningite è in sperimentazione. Un’arma che possa contrastare la sua variante b, quella batterica, causata dal meningococco.  Si tratta di un preparato sperimentale composto dai ricercatori dell’Università dell’Australia Occidentale finora provato con successo su adolescenti australiani ed europei. Che possa essere il primo passo per debellare la meningite b? 

Meningite meningococcica

Meningite meningococcica

La meningite meningococcica è un’infezione che causa gonfiore e irritazione (infiammazione) delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale.

CAUSE: La meningite meningococcica è causata dal batterio Neisseria meningitidis (noto anche come meningococco). La maggior parte dei casi di meningite meningococcica si verificano nei bambini. Il meningococco è la causa più comune di meningite batterica nei bambini e la seconda causa più comune di meningite batterica negli adulti.

Vaccinazioni infantili contro la meningite: perchè non sono previste?

Ne abbiamo sentito parlare spesso negli ultimi mesi, ha provocato non poche morti e, malgrado gli esperti affermino che l’allarmismo sia ingiustificato, il terrore della diffusione delle meningite dilaga ancora.

Proviamo a scoprirne di più su questa malattia fulminante: la meningite è un’infiammazione delle membrane del cervello e del midollo spinale, causata da agenti patogeni come i batteri, i funghi, i virus e i parassiti. Tre sono gli agenti patogeni, responsabili dell’80% dei casi di meningite di origine batterica:

  • l’Haemophilus influenzae di tipo b
  • lo Streptococcus pneumoniae
  • la Neisseria meningitidis, detta anche meningococco

Meningite: Dopo l’ultimo decesso ecco un nuovo caso in Italia. Informarsi su questa malattia oggi è un dovere.

E’ ancora allarme meningite nel nord Italia. Oggi un ragazzo di 17 anni è stato ricoverato in rianimazione a Venezia e si trova in coma. Le sue condizioni stazionarie e la prognosi riservata. Si tratta di un diciassettenne residente a Zelarono, in provincia di Venezia, ricoverato all’ospedale Umberto I di Mestre. Gli esami, riferisce Onofrio Lamanna, direttore dell’ospedale Umberto I, hanno evidenziato che si tratta di un caso di meningite C.

Questa notizia, che segue i decessi per meningite avvenuti lo scorso Dicembre nel trevigiano è scattato l’allarme su tutto il territorio nazionale. In particolare nel Nord Italia, dove la preoccupazione non si placa dopo la morte del diciannovenne di Seregno, avvenuta all’ospedale di Carate Brianza a Milano lo scorso giovedì. Per tutti e due i casi è stata predisposta la profilassi antibiotica per il personale medico e tutti coloro fra parenti e amici che sono venuti a contatto con i due giovani nelle ore precedenti al loro ricovero.

Sono attualmente in corso ulteriori indagini per stabilire se il ceppo di appartenenza sia lo stesso che ha causato i primi decessi.

Tenuto conto del diffondersi della paura del contagio nella popolazione, il Ministero della Salute ha ritenuto utile diramare un comunicato (21 Dicembre 2007) nel quale fa chiarezza sullo stato attuale della malattia nel nostro paese.

Nel suddetto comunicato la meningite viene definita una patologia “grave ma curabile” che ha esito fatale nel 14% dei casi. I casi di meningite batterica in Italia sono circa novecento all’anno e un terzo di questi è di tipo meningococcico (tasso di incidenza tra i più bassi in Europa) inoltre, grazie al diffondersi dei vaccini, i casi sono in progressiva diminuzione.

Ma vediamo più approfonditamente cos’è la meningite, come si manifesta e come è possibile scongiurarla e curarla.