Tunnel carpale, esercizi contro il dolore

La sindrome da tunnel carpale può arrecare molto dolore a chi ne soffre. Ecco alcuni semplici esercizi da eseguire per sentirsi meglio anche senza usufruire di antidolorifici. Non serve molto: solo qualche minuto del proprio tempo.

Dolore al polso sinistro esterno e a destra, quali cause?

 

Richiesta di Consulto Medico su dolore al polso

“Nella parte sinistra del polso sinistro ho una piccola ciste, da un pò di tempo avverto bruciore ma dalla parte destra e tanto dolore da immobilizzarmi la mano,dopo avermi spalmato della pomata antifiammatoria il dolore scompare in un attimo devo però aspettare un oretta prima che ciò avvenga cosa può essere la ringrazio, distinti saluti”.

 

Amiloidosi primaria

Amiloidosi primaria

L’amiloidosi primaria è un disturbo in cui le fibre proteiche si depositano nei tessuti e negli organi, nuocendogli.

CAUSE: La causa dell’amiloidosi primaria è sconosciuta, ma la condizione è legata alla produzione abnorme di anticorpi da un tipo di cellule immunitarie chiamate cellule del plasma. I sintomi dipendono dagli organi colpiti che possono essere lingua, intestini, muscoli scheletrici e lisci, nervi, pelle, legamenti, cuore, fegato, milza e reni.

Postura al computer, occhio a mal di testa e tensioni muscolari

Se negli ultimi tempi accusate tensioni muscolari e/o mal di testa la causa potrebbe essere rintracciabile nelle ore trascorse davanti al computer, a lavorare, giocare piuttosto che a studiare o a navigare, ed in particolar modo l’imputato di questi malesseri da pc è una cattiva postura.

Stando agli esperti il design dei computer portatili incoraggia la cattiva postura tra gli studenti universitari e tra gli altri utenti, provocando mal di testa, tensione muscolare e del collo, lesioni alla spalla ed alla mano.
Il problema, stando ai ricercatori dell’Università del North Carolina (UNC) presso la Chapel Hill School of Medicine deriva dal corpo unificato dei computer portatili, con la tastiera inseparabile dal monitor, gli utenti non sono infatti liberi di configurare le apparecchiature in modo da ridurre al minimo il rischio.

I sintomi e i rimedi per la sindrome del tunnel carpale

Il canale carpale, come tutti i tunnel, è formato da un pavi­mento, cioè le ossa del polso, e da un soffitto, vale a dire il le­gamento traverso anteriore del carpo, che tiene assieme ossa e muscoli. All’interno scor­rono il nervo mediano e i ten­dini flessori delle stesse dita, che sono ricoperti dalle guaine tendinee. Il tunnel carpale non può aumentare di calibro. Per cui basta un ispessimento delle guaine o del legamento, dovuto ad uno sforzo eccessivo e prolungato o a microtraumi ripetuti, per comprimere il nervo mediano e causare il dolore. La mano si gonfia e le prime tre a quattro dita diventano intorpidite e formicolanti.

Il problema riguarda circa il per trenta per cento della popolazione, colpisce di più le donne, forse perché il loro canale è più piccolo di quello maschile. La mano che corre più rischi è quella dominante, la sinistra nei mancini e la destra in tutti altri. Chi usa molto e sforza dita e polso, per lavoro o per hobby, è più esposto. Non a caso è considerata una vera e propria malattia professionale di co­loro che lavorano nell’industria manifatturiera o nel confeziona­mento, di chi prepara gli alimen­ti, fa pulizia, cucina o lavora alla cassa di un supermercato.

Negli ultimi anni il ventaglio del rischio si è allargato anche a chi lavora al computer. Non tanto per lo sforzo richiesto nell’utiliz­zo di mouse e tastiera, quanto per la postura scorretta assun­ta da spalle, braccia e mani, mantenuta per molte ore. Sono stati anche condotti studi di er­gonomia per progettare tavoli, sedie e tastiere che favoriscano il mantenimento di posizioni confortevoli e prive di tensioni permanenti.

La sindrome del tunnel carpale

Nel nostro polso c’è un canale, detto tunnel carpale, attraverso il quale passano i tendini flessori delle dita e il nervo mediano, che va ad innervare la faccia palmare del 1°, 2° e 3° dito della mano e metà del 4°. Questo canale, il cui pavimento è costituito dalle ossa del carpo e il tetto dal legamento trasverso, è poco espansibile. Suc­cede così che, quando vi è una tendinite o un processo occu­pante spazio (per esempio, una cisti), le strutture all’interno del tunnel si rigonfiano provocando una compressione del nervo me­diano.

 Tale compressione si ma­nifesta con un formicolio delle dita innervate, cioè pollice, in­dice, medio e metà dell’anulare, a volte con dolore, in alcuni casi irradiato all’avambraccio (specie se il problema persiste da tanto). E’ più frequente nelle donne, so­prattutto fra i 40 e i 60 anni. I pazienti si lamentano di accu­sare formicolio soprattutto alle prime ore del mattino, quando il fastidio li sveglia e sentono il bi­sogno di muovere la mano per­ché hanno una sensazione di “sangue che non arriva alle dita“.

Scrivere tanti sms fa male quanto stare ore davanti al pc

Digitare messaggi lunghi può provocare dolore al collo, letteralmente. L’azione ripetitiva di lavorare con le dita attraverso il tastierino numerico del telefono cellulare può causare alcuni degli stessi problemi di dolore cronico in precedenza limitati a coloro i quali trascorrono molto tempo davanti al computer.

Un possibile collegamento è particolarmente preoccupante in quanto adolescenti e giovani, ma anche in alcuni ambienti professionali, scrivere messaggi è una cosa sempre più comune oggi, spiega Judith Gold della Temple University di Philadelphia, che ha effettuato uno dei primi studi sulla potenziale connessione.

Mal di pc: problemi alle giunture, occhi e pelle se si usa male il computer

Alcune malattie piuttosto rare oggi stanno diventando all’ordine del giorno. Parliamo ad esempio della sindrome del tunnel carpale, epicondilite, ipercifosi dorsale, dermatite seborroica o di decine di altre malattie che potrebbero venire a chi utilizza il pc per molte ore al giorno in maniera non corretta.

La ricerca è stata effettuata dall’Istituto italiano di medicina sociale, dall’Università degli Studi di Bari e dal  Centro Europeo Colonna Vertebrale, i quali hanno unito i loro sforzi per capire quali sono le malattie in cui si può incappare e come evitarle. Questi studi sono partiti tutti da quello sudafricano, di cui vi avevamo dato notizia tempo fa, sui problemi che una prolungata postura fissa davanti ad uno schermo potevano portare al collo di un utente. Purtroppo oggi si sa che questa non è l’unica controindicazione.