Home » LE ETA' DELLA SALUTE » La Salute degli Adolescenti » Ginecomastia. Qualche informazione per conoscerla meglio

Ginecomastia. Qualche informazione per conoscerla meglio

 

La ginecomastia consiste nell’aumento anomalo del volume delle ghiandole mammarie maschili. E’ possibile distinguere differenti tipologie di ginecomastia in base alle cause che la determinano: la ginecomastia puberale fa la sua comparsa nel corso dell’adolescenza ed è causata dagli squilibri ormonali tipici di questa fase della vita. La sua insorgenza non dovrebbe quindi destare particolari preoccupazioni, tanto più che, nel 90% dei casi il problema rientra spontaneamente entro tre anni. Esiste tuttavia una piccola percentuale di casi (il 5-6%) in cui la ginecomastia permane oltre l’adolescenza, in questo caso si rende generalmente necessario un intervento chirurgico completamente risolutivo. Distinguiamo inoltre la ginecomastia congenita, spesso associata a Sindrome di Klinefelter e quella indotta, da ascrivere in genere dall’assunzione di farmaci estrogeni o androgeni. Infine esiste una pseudoginecomastia (detta anche falsa ginecomastia) che consiste non nell’aumento del volume delle ghiandole mammarie, ma nell’accumulo di tessuto adiposo a livello della zona mammaria che produce un effetto simile a quello della ginecomastia vera e propria.


La ginecomastia può essere causa di disagi psichici anche rilevanti, soprattutto durante l’adolescenza, che si traducono in difficoltà relazionali con i coetanei e con il sesso opposto, mentre nell’adulto possono essere rapresentati da difficoltà nella sfera sessuale e nella vita di coppia. L’eccessivo sviluppo delle mammelle può infatti richiamare alla mente l’immagine di un seno femminile e far sentire l’uomo affetto da ginecomastia privato della propria virilità.

 

In ogni caso è sempre opportuno chiedere un consulto andrologico, soprattutto se il problema si manifesta prima o dopo l’età adolescenziale: seppure in un piccolissima percentuale di casi infatti la ginecomastia può rappresentare un sintomo del tumore mammario maschile, patologia molto rara che affligge soprattutto uomini fra i 60 e i 70 anni (meno dell’1% dei casi totali di tumore mammario), ma che non va assolutamente sottovalutata. La ginecomastia può essere infine associata nell’adulto anche a disfunzioni tiroidee, cirrosi epatica, tumore del testicolo. La soluzione è in genere chirurgica.

1 commento su “Ginecomastia. Qualche informazione per conoscerla meglio”

Lascia un commento