5 cose da sapere sulla gestosi

di Valentina Cervelli 0

Sono almeno 5 le cose da sapere sulla gestosi, una patologia molto grave che può colpire le donne in gravidanza mettendo a rischio la loro vita e quella del bambino. Scopriamone insieme di più.

1. Pressione alta e proteine nelle urine devono preoccupare

I principali sintomi della gestosi sono la pressione alta e la presenza di proteine nelle urine (proteinuria). Queste due manifestazioni devono mettere immediatamente in allarme la madre e vengono riconosciute dai medici come motivazione per richiedere l’immediato ricovero della persona in ospedale.

2. Va cercato subito aiuto

Se misurandosi per scrupolo la pressione in casa ci si rende conto di essere affetti da ipertensione è bene immediatamente contattare il ginecologo o il proprio medico. Sarà lui a verificare se si tratta di un aumento transitorio o se può essere legato alla preeclampsia controllando se sono presenti i classici sintomi legati ad uno stato di albumina alta nelle urine.

3. Non esiste una vera prevenzione

Si può e si deve mangiare sano, fare attività fisica in base al mese di gravidanza. Ma non esiste una prevenzione vera nei confronti della gestosi. Si può tentare di contenerne i problemi correlati, ma in linea di massima, l’unica vera cura alla stessa è la nascita anticipata del bambino.

4. Esistono fattori di rischio precisi

Vi sono alcune condizioni che possono rappresentare un fattore di rischio di gestosi. Parliamo di obesità prima della gravidanza, avere meno 20 anni o più di 40, essere affetti da diabete, lupus e malattie autoimmuni. Non solo: Ovviamente rappresenta un problema essere affetti da ipertensione cronica o aver sviluppato la pressione alta gestazionale in una precedente gravidanza. Anche un parto gemellare può rappresentare un fattore di rischio.

5. Non sempre il cuore è a rischio

La gestosi può rivelarsi mortale se non curata. Ma quando affrontata in tempo di solito non lascia degli strascichi di tipo cardiaco sulla donna. Anche la pressione alta di solito sparisce entro le 6 settimane dalla nascita del bambino. Si può però avere maggiori probabilità di sviluppare malattie cardiache in futuro rispetto a chi non ha sperimentato la pre-eclampsia.

Potrebbe anche interessarti:

Gestosi, più complicanze post partum

Gestosi: individuata la causa genetica?

Photo Credits | Gajus / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>