Home » MEDICINA DELL'ALIMENTAZIONE » Alimentazione e prevenzione » Dalla caffeina si ottiene di più bevendone poco

Dalla caffeina si ottiene di più bevendone poco

Il caffè, oro nero degli italiani, ma largamente consumato anche in numerosi altri Paesi del mondo, è noto per le sue proprietà di vasocostrittore, contro il disturbo dell’emicrania, ma soprattutto è conosciuto per la sua capacità di svegliare e migliorare le prestazioni cognitive, le capacità di memoria e di apprendimento.

Tuttavia, una recente ricerca effettuata dai ricercatori della University of Alberta, dimostrerebbe che l’assunzione regolare di caffeina ha effetti più deboli rispetto al consumo sporadico della bevanda. Lo studio è stato condotto su un campione di venti donne di età compresa tra i 18 ed i 37 anni, dieci delle quali erano consumatrici accanite di caffè, le restanti dieci ne consumavano invece due tazzine a settimana.


I risultati del confronto tra la salute delle prime con le seconde hanno riportato che la pressione sanguigna, il funzionamento cardiaco e le prestazioni cognitive erano simili già dopo la soglia di consumazione di circa 350 millimetri di caffè, dimostrando che i benefici della caffeina sono evidenti anche solo con qualche tazzina a settimana.

Inoltre, la digestione della caffeina quotidianamente provoca qualche problema nella pressione sanguigna. E’ quanto hanno notato nel corso degli esami, l’autore dello studio Michael Kennedy ed il suo team di studenti:

Ci possono essere alcuni disturbi nel sistema cardiovascolare per via dell’adeguamento alla digestione della caffeina ogni giorno. Per le persone a rischio di pressione alta, che bevono abitualmente caffè, ridurre l’assunzione di caffeina sarebbe un modo efficace per abbassare di conseguenza la pressione sanguigna.

Per questa ragione, è consigliabile non eccedere con il consumo di caffè, dal momento che le sue proprietà benefiche sono valide anche se si assume la bevanda a piccole dosi, mentre il consumo eccessivo, come abbiamo visto, può provocare altri tipi di disturbi.

Si consiglia, comunque, di non superare le tre tazzine al giorno, e di usare il caffè solo in particolari momenti della vita in cui è richiesta buona capacità di memoria.

5 commenti su “Dalla caffeina si ottiene di più bevendone poco”

  1. Volevo solo sapere, cortesemente, se il caffe’ riduce i sintomi e le manifestazioni relative al morbo di Raynaud, o se comunque facilita la circolazione sanguinea periferica, grazie

    Rispondi

Lascia un commento