OMS, di caldo si muore

Di caldo si muore. Ed anche di cambiamenti climatici e delle loro conseguenze. E’ questo il messaggio lanciato dall‘Organizzazione Mondiale della Sanità nel corso della Seconda Conferenza Globale sulla Salute e sul Clima, tenutasi a Parigi il 7 e l’8 luglio.

8 cose da sapere in gravidanza quando fa caldo (FOTO)

Gli effetti negativi del caldo, quando si affronta una gravidanza, non sono da sottovalutare. Mai come in questi mesi infatti è necessario proteggere il corpo che, con le alte temperature, tende generalmente ad accusare spiacevoli conseguenze. Quali sono le 8 cose assolutamente da sapere in gravidanza quando fa caldo? Ecco i comportamenti più importanti da osservare per salvaguardare la salute del bambino e della futura mamma.

Come sconfiggere il caldo in gravidanza

Come sconfiggere il caldo in gravidanza? Il Ministero della Salute regala qualche piccolo consiglio per le donne incinte che si ritrovano ad affrontare afa e allarme caldo: con il pancione e con i primi sintomi di una gravidanza in corso, infatti, diventa più difficile affrontare le alte temperature che molto spesso possono provocare affanno, debolezza e cali di pressione.

L’insonnia da caldo ed i metodi per combatterla

Uno degli effetti collaterali del caldo estivo è quello di dare vita alla cosiddetta “insonnia da caldo”: sempre più persone non riescono a dormire per via delle alte temperature e della sudorazione che automaticamente s’innesta come risposta del nostro organismo. Scopriamo insieme come combatterla e ritornare a dormire in modo adeguato alle nostre esigenze.

Ondata di caldo record, numero verde per le emergenze

La bolla africana soprannominata Scipione fa salire vertiginosamente la colonnina di mercurio. Oggi bollettino rosso per 3 città (Roma, Rieti e Perugia), ma il picco di questa straordinaria ondata di caldo è atteso per giovedì 21. Il Ministero della Salute, infatti, ha lanciato l’allerta di livello 3, che indica, appunto, condizioni di rischio elevato per 9 città: Brescia, Campobasso, Firenze, Frosinone, Latina, Perugia, Rieti, Roma, Viterbo. Bollino arancione, invece, per Bologna, Bolzano, Civitavecchia, Milano, Pescara, Reggio Calabria, Trieste e Venezia.

Caldo ed afa: pronto soccorso pieni e senza ventilatori

Il caldo e l’afa di questi ultimi giorni stanno mettendo davvero a dura prova la sopravvivenza degli italiani. Specialmente di quelli più anziani ed affetti da patologie, che mal tollerano un cambiamento così corposo di temperatura. Risultato: un aumento spropositato delle chiamate al 118 ed un ovvio intasamento dei pronto soccorso di ogni città italiana. Ad aggiungersi al problema la mancanza di ventilatori nei nosocomi, con un aggravarsi delle persone che si sottopongono al triage.

Perché i bambini rischiano maggiormente il colpo di calore se lasciati in auto?

Perché i bambini sono tra le categorie a rischio per il colpo di calore e la disidratazione? E’ una domanda che forse ci siamo posti in molti in questi giorni di emergenza caldo in cui si fanno numerosi appelli per la salvaguardia della salute delle persone anziane, dei malati cronici e dunque dei bambini. Di certo ci siamo risposti che sono più delicati e fragili, ma perché in questo contesto? Dipende dal fatto che sono “più piccoli”, anche di statura: la temperatura corporea nell’infanzia sale dalle tre alle cinque volte più rapidamente che nelle persone adulte, perché sono inferiori le riserve fisiologiche di acqua.

Farmaci e caldo: ecco quello che occorre sapere

Con le ondate di calore in corso ed in generale con le temperature elevate, vanno tenuti presenti alcuni aspetti particolari che riguardano i farmaci: fattori che non tutti conoscono o che in genere si tendono a sottovalutare. Il primo è ovviamente quello che riguarda la conservazione dei medicinali. Ricordo sempre con un sorriso le supposte che avevo lasciato nella tenda da campeggio qualche anno fa! Ovviamente le ho trovate sciolte e prontamente messe in frigorifero, sono tornate ad essere utilizzabili …..ma la loro funzione era garantita?

Come preservare la salute degli anziani durante le ondate di calore

Anziani e caldo. Siamo nel pieno delle ondate di calore ed è bollino rosso in molte città d’Italia, ovvero quella situazione climatica che mette a rischio la salute delle persone più fragili e non solo. Da ieri è attivo il numero verde di pubblica utilità 1500 del Ministero della salute che, come negli altri anni, fornirà informazioni e consigli sulla prevenzione e sui servizi utili per l’emergenza nelle varie Regioni e Comuni.

Colpo di calore, le prime vittime

E’ arrivato il caldo, quello vero, carico di umidità. Il temuto colpo di calore ha già mietuto le prime vittime. Si tratta di due anziani ed un turista svedese, tutti deceduti nella zona del veneziano. Di fatto la temperatura in questi giorni è solo un paio di gradi sopra la media stagionale, anche se in alcuni luoghi, soprattutto in città, può sfiorare i 40°.

Quello che fa sembrare tutto più insopportabile è l’umidità. Ma cosa provoca i malori e possono essere pericolosi? Situazioni climatiche di questo tipo possono provocare il classico colpo di calore, anche conosciuto come colpo di sole (specie quando avviene all’aperto, magari in spiaggia conseguenza della diretta esposizione ai raggi solari).