Olio di ricino, proprietà

Quali sono le proprietà dell’olio di ricino? Conosciuto principalmente per la sua azione lassativa questo preparato o integratore può essere molto utile per la cura della persona. Vediamo in che modo.

Le 3 migliori creme per la cura dei capelli

La cura dei capelli è fondamentale soprattutto in alcuni periodi dell’anno, come per esempio quello che ci stiamo accingendo ad affrontare, in cui condizioni climatiche particolari favoriscono l’indebolimento del cuoio capelluto.

Caduta dei capelli causa depressione ed ansia

La depressione affligge gli italiani. Ma non solo per la crisi, la disoccupazione ed i problemi quotidiani. Ma anche per la caduta dei capelli. Cause genetiche, stress ed ormoni, fanno soffrire molti italiani di calvizie e questi ultimi sembrano non prendere generalmente bene il presentarsi di questo disturbo.

Crescina funziona per caduta dei capelli: studio scientifico conferma

Crescina funziona davvero? Fa ricrescere i capelli anche in caso di alopecia o di diradamento già avanzato? Durante le feste di Natale, incontrando un amico che non vedevo da tempo e trovandolo alquanto cambiato a causa della caduta di capelli, l’argomento degli integratori, farmaci cosmetici per tali problematiche è diventati di dibattito intenso tra i favorevoli e contrari, di Crescina, minoxidil o finasteride. Sono così a cercare informazioni.

Bulimia, vomito e caduta di capelli, psicologo risponde

La bulimia, soprattutto se correlata al vomito indotto può provocare complicanze più o meno importanti dal punto di vista organico. Tra queste anche una caduta abbondante di capelli? Ne parliamo nel nostro consulto online inviato per la psicologa e psicoterapeuta dottoressa Maria Barbarisi.

Alumina: indicazioni d’uso e posologia

L’Alumina è il rimedio omeopatico ottenuto dalla triturazione dell’allumina (l’ossido dell’allumino) con lattosio (per via dell’insolubilità della sostanza minerale) e successive diluizioni/dinamizzazioni in soluzione idroalcolica. Si usa in caso di astenia, secchezza della pelle e delle mucose e per la caduta di peli e capelli. Vediamo insieme le indicazioni d’uso e la posologia.

Caduta dei capelli, un aiuto dalla serenoa repens

La serenoa repens, nota anche con il nome di palmetto della Florida, è una palma di piccole dimensioni originaria del Sud degli Stati Uniti. Oggi viene largamente impiegata contro la caduta dei capelli, ma anche nel trattamento dell’ipertrofia prostatica benigna, un problema più diffuso dopo i 45 anni di età.

Capelli grassi: soluzioni, rimedi naturali e shampoo

I capelli grassi si riconoscono a colpo d’occhio: si presentano unti e lucidi, come se fossero sporchi e talvolta emanano un cattivo odore. Possono essere accompagnati, oltre che dalla forfora, anche da una sensazione di prurito causata dalla qualità o dalla sovrabbondanza di sebo, che occlude i follicoli ostacolando la crescita dei capelli sani. Non a caso, infatti, l’ipersecrezione sebacea è associata alla caduta dei capelli.

Caduta dei capelli, si combatte risvegliando i follicoli latenti

Secondo i ricercatori dei laboratori di biologia di L’Oreal, per contrastare la caduta dei capelli, un problema che non affligge solo il sesso maschile, ma è sempre più diffuso anche tra le donne, è sufficiente risvegliare i follicoli piliferi in stato di latenza, nella cosiddetta fase catagen del capello. Lo studio è stato presentato dal dottor Bruno Bernard in occasione dell’European Hair Research Society di Barcellona, in Spagna.

Una Barbie calva per le bambine affette da tumore

Una Barbie calva per le bambine affette da tumore. L’iniziativa partita su Facebook e creata da due donne affette da cancro ha avuto successo: la Mattel, casa madre di questo noto giocattolo per bambine, ha comunicato ufficialmente l’inizio della produzione di questa particolare versione della bambola più famosa del mondo. Con il plauso dei genitori di tutto il mondo.

Crescina per capelli: inutile per la ricrescita

La crescina per combattere la calvizie? Brutte notizie per chi ne fa uso, visto che non fa ricrescere i capelli. Numerosi esperti avevano lanciato il sasso in tal senso  ed ora l’Istituto Superiore di Sanità, che ha effettuato uno studio su incarico della procura di Torino  lo ha confermato. Il tanto reclamato successo della crescina non esiste. E per chi lo commercializza, scatta l’ipotesi di reato di frode in commercio.