Cancro al seno e protesi al silicone scadenti: è allarme in Francia

E’ allarme in Francia: migliaia di protesi del seno, inserite negli anni passati nel petto delle donne francesi sarebbero cancerogene.  Ed avrebbero provocato in molte pazienti lo sviluppo di tumori al seno. Ancora una volta sotto accusa è il materiale estetico della Pip, già allevato agli “allori” della cronaca nel marzo 2010 per il rischio, causato dalla tipologia scadente di materiale, di esplosione delle protesi.

Influenza suina: nessun allarmismo, ma intanto negli altri Paesi ci si prepara al peggio

In Gran Bretagna il Sistema Sanitario nazionale ha appena consigliato, attraverso le pagine del Guardian, di evitare le gravidanze durante il periodo di maggior diffusione della nuova influenza, quello cioè che va da ottobre a marzo. Secondo i medici di Sua Maestà infatti, la gravidanza indebolisce molto il sistema immunitario della futura mamma la quale si ammala più facilmente e potrebbe subire una forma più grave di influenza, a causa della debolezza del suo fisico.

Inoltre prendere farmaci durante la gravidanza è sempre un rischio, e dunque ci si aspetta che sia i bambini che le mamme possano rischiare la vita o, nella migliore delle ipotesi, alcune complicanze durante il parto. La Francia invece fa di più, ed allarga l’allarme a tutte le fasce della popolazione. Al di là delle Alpi ci si aspetta che l’influenza suina arrivi a contagiare fino al 50% della popolazione, e quindi è già pronto un piano d’azione: una miriade di treni e di voli annullati, incremento del telelavoro per fare in modo che fabbriche e aziende siano il meno possibile affollate, ed inoltre tutti i servizi pubblici (banche, supermercati, ecc.) devono prevedere un piano anti-influenza. E l’Italia cosa fa?

No kid: Quaranta ragioni per non avere figli

Avete mai sentito dei genitori pentirsi di aver avuto un figlio? A parte quando sono arrabbiati (non fa testo), è abbastanza raro.
Una scrittrice e psicanalista francese, madre di due figli, delle ragioni per non procreare ne ha addirittura fatto un libro, individuandone quaranta. Si chiama Corinne Maier e aveva gia fatto molto discutere con il suo precedente libro “Buongiorno pigrizia. Come sopravvivere in azienda lavorando il meno possibile”.
E ora eccola tornare alla ribalta con No kid, Quaranta ragioni per non avere figli, pamphlet contro la retorica dell’essere genitori è bello.

In Francia il libro è uscito un anno fa, suscitando non poche polemiche. Adesso è arrivato anche in Italia (No kid: Quaranta ragioni per non avere figli, edizioni Bompiani, 156 pp, 13,50 euro).
Le reazioni non si sono lasciate attendere nemmeno nel nostro Paese, dove si è subito formato il comitato Si kid, promosso da Quimamme.it, forum profigli.