Melanoma, con lettini solari rischio nei giovani sale del 41%

Che i lettini solari ovvero il loro uso eccessivo e continuato nel tempo fossero nocivi per la salute della nostra pelle e aumentassero il rischio di insorgenza di melanoma, il cancro dell’epidermide, era già risaputo e confermato da numerosi studi, tanto che in alcuni Paesi, tra cui l‘Australia ed il Brasile, le lampade, definite addirittura lettini della morte, sono state vietate o ne è stato limitato l’uso ai minorenni.

Ed è proprio dall’Australia che arriva l’ennesima ricerca che conferma gli effetti deleteri dell’abbronzatura artificiale. Ad effettuarlo un’équipe di ricercatori del Melanoma Institute in collaborazione con le università di Sydney e di Melbourne. Gli autori hanno esaminato i danni del solarium sui giovani e dai dati raccolti hanno concluso che l’uso delle lampade abbronzanti arriva ad aumentare di ben il 41% il rischio di contrarre il letale cancro alla pelle.

Melanoma, messa a punto immunoterapia efficace ma occhio alle lampade

Nuove speranze dalla ricerca contro il melanoma arrivano da una molecola, ipilimumab, giunta alla fase 3 della sperimentazione. Non si tratta di un vaccino, bensì di un’immunoterapia. Ad operare un distinguo è Paolo Ascierto, dell’Istituto Nazionale Tumori Pascale di Napoli:

Mentre un vaccino stimola direttamente il sistema immunitario, questo farmaco rimuove un blocco.

Dopo trent’anni di fallimenti, finalmente un’arma efficace contro il melanoma, che ha dato risultati più che incoraggianti nei trial. Il melanoma colpisce solo in Italia 6.000 persone all’anno, per un totale di 1.500 decessi. Grazie alla sperimentazione condotta in ben 125 centri nel mondo e che ha visto coinvolta anche l’Italia, i pazienti affetti da melanoma hanno una nuova speranza: l’immunoterapia. La molecola ipilimumab riesce infatti a scatenare le reazioni immunitarie dell’organismo, sbloccando un vero e proprio raid contro le cellule tumorali. Senza freni.

Inghilterra: no alle lampade abbronzanti per i minorenni

Una carnagione abbronzata ed un colorito che ricorda l’estate trascorsa è un desiderio di molti, sopratutto dei più giovani che, spesso, scelgono di effettuare qualche seduta nel solarium. Lampade e lettini abbronzanti, però, non sono del tutto salutari, sopratutto se se ne abusa o si utilizzano inconsapevolmente: alcune ricerche rivelano che, in Inghilterra, l’ abbronzatura selvaggia provochi circa 100 morti e 370 casi di tumore all’ anno.

Un pericolo serio che necessita di essere tenuto sotto controllo. Se dovesse andare a buon esito il progetto di legge presentato poco fa dal deputato laburista Julie Morgan, che ha ottenuto l’appoggio del governo inglese ed il sostegno del Ministro della Salute, Andy Burnham, nei prossimi mesi i minorenni inglesi non potranno più sottoporsi alle sedute con lampade abbronzanti.

Il massaggio autoabbronzante: dagli States un metodo per una tintarella invidiabile senza sole

Agosto è lontano e qualche domenica trascorsa al mare, o ahimè sul balcone di casa, in cerca di un po’ di colorito, non basta a smorzare il cadaverico bianco invernale.
Ma non disperate, se non avete tempo per un’abbronzatura al naturale, dagli States è arrivata una nuova tecnica che combina l’abbronzatura al relax: il massaggio autoabbronzante. Volete saperne di più?