Miopia, attività all’aperto per prevenirla

Prevenire la miopia? Può passare attraverso il semplice eseguire delle attività all’aria aperta, soprattutto tra i più giovani. E’ questa la conclusione di diversi team di scienziati provenienti da tutto il mondo: il miglior modo per tenere lontano il disturbo risiede nella luce naturale e nei grandi spazi.

Abbandono animali in estate: causa psicologica?

Ogni estate riemerge la triste questione relativa all’abbandono degli animali: cosa spinge tante persone a farlo? Follia, stupidità, insensibilità, cattiveria. Lo psichiatra Michele Cucchi, direttore sanitario del Centro Medico Santagostino di Milano, parla di miopia emotiva, per la maggioranza dei casi. Che significa?

Miopia, scoperti 26 nuovi geni che aumentano il rischio

La miopia è un difetto della vista che colpisce circa 1 persona su 2 nel mondo occidentale e fino all’80% in Asia. Si è sempre creduto che avesse una base genetica e lo studio condotto dal team del King’s College di Londra, pubblicato su Nature Genetics, conferma questa ipotesi. I ricercatori, infatti, hanno scoperto ben 26 nuovi geni associati al disturbo, che aumenterebbero il rischio di sviluppare la miopia di ben 10 volte.

Correggere la miopia grazie alle lenti coassiali?

Chi è miope, come la sottoscritta, sogna un giorno di svegliarsi e di vedere nitido… la miopia, infatti, è un difetto della vista caratterizzato dalla visione sfocata di immagini e oggetti posti a distanza. Oggi la chirurgia refrattiva (il laser, tanto per intenderci) è l’intervento più utilizzato a livello mondiale per la cura della miopia, ma un gruppo di ricercatori della State University di New York ha creato delle speciali lenti a contatto in grado di aiutare l’occhio a correggere questo difetto.

Ultravista grazie al laser per militari e piloti americani

Operare con il laser i militari per donare loro un’ultravista di 15/10? Quella che sembra una storiella fantascientifica è in realtà un progetto sperimentale in corso negli Usa dove il comandante della Marina militare americana, e direttore dell’US Navy Refractive Surgery Program David Tanzer già operato centinaia di migliaia di soldati. Una realtà che potrebbe trovare presso diffusione anche in altri contesti?

Miopia infantile: prevenirla tenendo i bambini all’aria aperta

E’ possibile prevenire la miopia nei bambini facendogli trascorrere del tempo a giocare all’aria aperta. E’ questo il risultato di uno studio condotto dall’Università di Cambridge in collaborazione con dall’Ospedale Universitario Ramon y Cajal di Madrid e presentato in questi giorni nel corso del congresso annuale dell’American Academy of Ophthalmology tenutosi in Florida che viene a confermare ipotesi pregresse già sviluppate negli anni da ricercatori di tutto il mondo.

Miopia e laser, indicazioni, controindicazioni, rischi, ticket e costi

La miopia è il problema di vista più comune al mondo (si calcola che ne soffra una persona su tre, in vari gradi), ed è una limitazione nella visione da lontano. Chi ne soffre può avere difficoltà ad esempio a leggere i cartelli mentre guida o, in generale, a leggere o riconoscere volti ad una certa distanza, nonostante la lettura da vicino non crei problemi.

Storie di medicina: James Joyce

James Joyce non è interessante solo dal punto di vista del suo talento letterario, ma anche per essere stato uno dei “peggiori pazienti” della storia, sia per via della numero impressionante di patologie da lui contratte, sia per l’atteggiamento tenuto nella cura delle stesse.

Ne sa qualcosa il dott. Luca Ventura, anatomopatologo dell’Ospedale San Salvatore de L?Aquila, che sul “Joyce” paziente vi ha scritto un libro, condividendo con il mondo intero la sua storia clinica. Il maggior problema dello scrittore? Una vita sregolata e poca accondiscendenza.

Presbiopia, cura con laser come per miopia in arrivo a breve

Novità interessanti provenienti da oltreoceano per chi soffre di presbiopia. A breve, proprio come si fa già da tempo per trattare la miopia, anche questo difetto visivo potrebbe essere curato grazie all’impiego del laser.
A dirlo sono tre diversi studi che prevedono altrettante tecniche presentati nell’ambito del meeting dell’American Academy of Ophthalmology e i cui risultati sono stati anticipati dal quotidiano britannico Daily Mail.

Vediamoli in breve. Stando alle informazioni riportate dal giornale inglese, il primo di questi studi, condotto da un’équipe di ricercatori dell’Università del Kansas, usa come tecnica per risolvere il problema della presbiopia, la pratica di una sorta di piccola tasca, all’interno della cornea, nella quale viene ad essere inserito un anello opaco con un piccolo foro al centro che consente il passaggio della luce.

I raggi solari prevengono la miopia nei bambini

Stare sdraiati al sole e godere del suo calore è sicuramente piacevole e consente di avere una pelle abbronzata e dall’aspetto più sano, ma secondo alcuni recenti studi condotti dall’ Australian Research Council’s Vision Centre questi non sarebbero gli unici benefici: l’esposizione ai raggi del sole consentirebbero anche di ridurre il rischio di miopia nei bambini.

In pratica, la luce agirebbe direttamente sulla dopamina, il neurotrasmettitore responsabile dello sviluppo del bulbo oculare prevenendo alcune distorsioni che sono la causa principale di questo diffuso difetto della vista. La ricerca, condotta su bambini di circa 6/7 anni, un periodo in cui possono incominciare a presentarsi i primi problemi,  ha dato interessanti risultati ed evidenzia l’esistenza di una forte correlazione tra miopia ed esposizione solare. Insomma, lasciar giocare i più piccoli all’aria aperta, piuttosto che davanti monitor di Pc e televisioni, è un’abitudine salutare anche per i loro occhi.

Presbiopia: tecniche moderne indolori e veloci

La presbiopia è conseguen­za del fisiologico decadimento dell’ occhio; ovvero intorno ai 45 anni la visione da vicino peg­giora e si deve ricorrere ad oc­chiali per lettura. Oggi, nella maggior parte dei casi, è possibile ricorrere ad interventi ambulatoriali per la correzione di tale difetto. Esistono sostanzialmente 2 modi per correggere la presbio­pia: usando cioè la nuova tec­nica di Lasik con il program­ma di PresbiLasik; oppure ri­correndo all’impianto di cri­stallini artificiali multifocali. Nel primo caso ci troviamo davanti alla massima evoluzio­ne della chirurgia dei difetti di vista.

Con la tecnica LASIK, in cui il laser viene eseguito, attraverso un lembo superficiale “a sportel­lo”, nello spessore della cor­nea il recupero è più rapido, e dopo poche ore il paziente tor­na a vedere perfettamente. Nella tecnica l’intralaser raggiunge una precisione senza prece­denti e permette, in assenza di dolore ed in totale sicurezza, di eliminare i difetti di vista in pochi minuti e con un rapido recupero visivo: questa nuova procedura chirurgica prende il nome di i-Lasik.

La miopia si combatte con il sole

Una recente ricerca australiana ha provato una teoria straordinaria: si può evitare che i nostri bambini abbiano problemi di miopia soltanto facendoli stare all’aria aperta per 3 ore al giorno. La ricerca, proveniente dall’Università di Camberra ed effettuata dal Vision Centre, si basa sul fatto che la luce del sole sia centinaia di volte più luminosa della luce artificiale che si può avere in casa. In questo modo l’occhio, in fase di crescita, si abitua alla luce e permette il rilascio di dopamina, la quale non permette la crescita disordinata del bulbo oculare.

Il risultato è che tre ore al giorno di esposizione al sole comportano una maggior efficienza della vista, che nel lungo periodo può dare molti vantaggi. Ad esempio un’osservazione effettuata a Singapore su bambini di 6 e 7 anni ha rilevato che esiste un’incidenza del 30% maggiore rispetto ai bambini australiani della presenza della miopia. Ciò accade a causa dello stile di vita e delle abitudini dei bambini di quel luogo, i quali vivono molto meno all’aria aperta e quindi vengono meno a contatto con il sole.