Antibatterici naturali, basilico e prezzemolo

Prezzemolo e basilico sono dei veri e propri antibatterici naturali: a rivelarlo è uno studio pubblicato sulla rivista Microbial Pathogenesis che ha messo sotto la lente di ingrandimento i due oli essenziali derivati da queste due erbe aromatiche, particolarmente utilizzate in cucina ma che, a quanto pare, sono anche ottime alleate per la salute.

5 migliori oli essenziali contro le rughe

Le rughe, segno inevitabile del tempo che passa, possono essere contrastate grazie ai poteri degli oli essenziali che, proprio per merito delle loro proprietà benefiche, sono in grado di rendere la pelle maggiormente elastica e dunque più giovane di anno in anno. A differenza delle creme, gli oli non si applicano direttamente sulla zona da trattare, ma vanno sempre diluiti in oli o creme neutre. Ecco i 5 migliori oli essenziali per contrastare zampe di gallina e prime rughe salvaguardando così la pelle del viso.

I 5 oli essenziali più efficaci contro la cellulite

Contro la cellulite non esistono soltanto le creme ma anche gli oli essenziali possono essere davvero efficaci a patto che vengano utilizzati con una certa constanza. Naturali e non particolarmente costosi, potrebbero rappresentare una soluzione per combattere il fastidioso aspetto della pelle a buccia d’arancia, tipico di quando la pelle non è soda e elastica. Quali sono i 5 migliori oli essenziali da utilizzare contro la cellulite?

Aromaterapia, fa male alla salute?

Gli oli essenziali utilizzati dall’aromaterapia potrebbero rivelarsi pericolosi per la salute, inquinando l’aria con sostanze potenzialmente tossiche, gli aerosol organici. A lanciare l’allarme, è una ricerca dell’università di Tainan, in Taiwan, pubblicata su “Environmental and Engineering Science”. I prodotti più dannosi sarebbero quelli a base di eucalipto, lavanda, limone e menta.

Ginocchia rugose, la ginnastica e i rimedi naturali

Le ginocchia rugose sono l’assillo di molte donne, e sapere che anche le star non ne sono immuni, è, diciamolo apertamente, un vero sollievo! Di certo non basta a minimizzare il difetto, ma non bisogna disperare, con la ginnastica giusta e i rimedi naturali non avremo più bisogno di coprire le nostre grazie, sebbene le lunghezze midi saranno un cult della moda di quest’autunno/inverno.

Gambe gonfie, i rimedi naturali

Le gambe gonfie sono un disturbo tipicamente femminile, e non è raro che sia accompagnato da tensione e ritenzione idrica, ma la natura ci viene in salvo, con i suoi rimedi dolci.

Effetti curativi di 200 oli naturali

E’ proprio vero che la natura ci fornisce tutto ciò che ci occorre per vivere e per sopravivere e la ricerca che vi riporto quest’oggi altro non è che una semplice conferma a quello che gia sapevamo. Dunque secondo una ri­cerca finanziata e diretta dall’Unido, una sezione di ricerca delle Nazioni Unite che opera nel parco scien­tifico Area di Trieste, in col­laborazione con l’African laboratory for natural pro­ducts (Alnap) di Addis Abe­ba, sono oltre 200 gli oli essen­ziali ricavati da piante, che hanno proprietà medico-curative dimostrate.

Gli importanti risultati conseguiti sono contenuti in una pubblicazione cura­ta dal centro e che riguarda le più importanti piante me­dicinali e aromatiche di im­portanza commerciale. Le essenze di queste piante vengono quindi utilizzate oltreche singolarmente an­che come coadiuvanti nel­le molecole dei farmaci chi­mici. Una serie di importanti farmaci sono infatti ottenu­ti sia dalle piante che sin­tetizzati. Ad esempio la di­gitossina, un principio attivo utilizzato in molti ambiti cardiologici, è ricavata dalla Digitale (Digitalis), una pianta spontanea comune o dalla corteccia di Cincho­na, un albero della famiglia delle rubiacee.

Fazzoletti Tempo, occhio al naso

Tempo di raffreddore e di fazzoletti. Ma i classici compagni di queste giornate di fine inverno non sarebbero sempre così “innocui”. E’ il caso, segnalato in questi giorni da Altoconsumo, dei nuovi fazzoletti Tempo Complete Care.

Il neonato prodotto dell’azienda, infatti – il cui costo oscilla, per un pacco da dieci fazzoletti, da 1,99 a 2,19 euro – presenterebbe, nella sua composizione, insidie. La pubblicità dei fazzoletti punta tutto sull’opportunità degli stessi per ogni raffreddore, per la loro capacità di “lenire gli arrossamenti del naso e favorire la respirazione“. I fazzoletti contengono sostanze dall’effetto “balsamo”, come l’olio di eucalipto. Ma, avverte Altroconsumo, non solo eucalyptol i fazzoletti contengono.Tra gli elementi ci sono il petrolatum mineral oil, un derivato petrolifero, e hexyl cinnamal, limonene, hydroxyisohexyl 3-cyclohexene carboxaldehyd, buthylphenyl methylpropional.

Scherzi di primavera: ecco perchè ci sentiamo stanchi!


Affaticabilità e debolezza muscolare, mancanza di concentrazione, sonnolenza, alterazione dell’umore e del battito cardiaco, disturbi del metabolismo dei carboidrati e della pressione arteriosa. Spesso questi malanni arrivano proprio quando le giornate si allungano e la temperatura è più mite. Alla base c’è tutto un equilibrio minerale che va rispettato.

È, infatti, a tavola che ritroverai la carica. Con quali alimenti? Vediamo. Innanzitutto proteine, presenti nelle uova così come nei formaggi e nella carne. Essenziale è poi anche il ferro, fondamentale per il trasporto dell’ossigeno nei tessuti e presente, oltre che nella carne, anche in alcune verdure come, per esempio, gli . Nella tua dieta non può mancare il potassio, che contribuisce al buon funzionamento dei muscoli e del sistema nervoso: lo puoi assumere mangiando molta frutta, soprattutto banane, kiwi e albicocche. Indispensabili sono anche il pane e il fegato, ricchi in vitamina B6 e magnesio, un minerale che riequilibra il sistema nervoso.

Il massaggio rilassante? Adesso lo fa il robot

Quante volte abbiamo sognato di concederci il lusso, reso tale se non altro dalla mancanza di tempo, di un bel massaggio rilassante? Magari in un atmosfera calda e avvolgente che trascini tutti i nostri sensi in un vortice di piacere semplicemente sciogliendo le tensioni, allentando lo stress , aiutandoci a mettere da parte, seppure per poco, una quotidianità spesso sopraffacente e sgradevole. Ci accompagna in questo percorso di benessere il/la massoterapeuta: professionale, discreto e soprattutto umano! Ma tutto questo potrebbe essere destinato a cambiare.

Un gruppo di ricercatori giapponesi ha infatti messo a punto WAO-1 un massaggiatore robotico creato dall’Università Waseda di Tokio in collaborazione con l’Università di Asahi. Potremmo quindi ritrovarci presto a poter scegliere fra un massaggiatore in carne ed ossa ed un uno dotato di braccia alla cui estremità sono poste sfere di ceramica e sensori che controllano il tipo di movimento e la pressione esercitata sul corpo. WAO-1 è stato concepito inizialmente per svolgere massaggi facciali terapeutici su pazienti affetti da patologie dell’articolazione mascellare, ma potrebbe essere presto utilizzato anche per i trattamenti estetici. Almeno è quello che si augura il dottor Ken Mishura del team di ricercatori, che si dice fiducioso nella possibilità che il robot massaggiatore trovi vasta applicazione e ansioso che questo accada al più presto.

Erbe aromatiche e spezie. Le proprietà benefiche dei sapori più antichi

Le erbe aromatiche e le spezie un tempo erano molto utilizzate non solo per insaporire cibi ma anche ottenere tisane, decotti, infusi o impacchi lenitivi. Il loro grande utilizzo in ambito gastronomico era dovuto alla loro facile reperibilità, mentre lo stesso non si poteva dire per il sale che un tempo non era un alimento alla portata di tutti, e che oggi ha quasi del tutto sostituito l’uso di aromi e spezie in cucina. Quanto alla loro origine le erbe aromatiche sono ottenute da foglie, fiori, radici e stimmi di piante aromatiche tipiche dell’area mediterranea, mentre le spezie sono estratte da bacche e corteccia di piante quasi esclusivamente di origine tropicale importate nel nostro paese sin dall’antichità. Possono essere consumate fresche, essiccate o sotto forma di oli essenziali.

Le erbe e le spezie hanno un ruolo fondamentale in cucina grazie allo loro capacità di esaltare il sapore dei cibi ma esse hanno anche il pregio di arricchire le pietanze di vitamine e minerali e renderle più digeribili. Inoltre, opportunamente utilizzate, possono essere di grande aiuto nella cura di piccoli disturbi. Il basilico, diffusissimo nella cucina mediterranea, ha proprietà disinfiammanti e digestive, mentre le foglie di alloro possono essere usate per ottenenere un decotto dalle proprietà digestive utilissimo anche per combattere l’aerofagia. Dalle bacche di alloro è poi possibile estrarre un olio essenziale con proprietà cicatrizzanti.

Il meno noto dragoncello esercita un’azione tonificante e digestiva e stimola l’appetito. Anologhe proprietà digestive ha la salvia, utile per stimolare le funzioni dell’intestino, ha un effetto balsamico sull’apparato respiratorio. Il cardamomo è utile in caso di problemi digestivi e il cumino è indicato in caso di aerofagia, nausea e problemi digestivi, l’anice stellato ha proprietà diuretiche mentre la cannella possiede proprietà antibatteriche. Infine, la noce moscata ha proprietà antisettiche e trova impiego nelle infezioni intestinali e in caso di diarrea, l’olio che se ne ricava può essere usato nel trattamento dei reumatismi, tuttavia essa va usata con molta parsimonia perchè ad alte dosi può essere abortiva.