Come rimanere in forma con lavoro sedentario

Come rimanere in forma quando si fa un lavoro sedentario: fare movimento il più possibile è risaputo, fa bene alla nostra salute e diventa ancora più importante che questo accada quando l’attività lavorativa costringe a stare seduti a lungo. Vediamo insieme come aggirare il problema.

Danni da sedentarietà, come combatterli?

Come combattere i danni da sedentarietà? Il lavoro di ufficio spesso costringe le persone a rimanere seduti su una sedia per almeno 8 ore, con delle importanti conseguenze per l’organismo. Vi è modo di “rimediare” a ciò che succede al nostro corpo?

Ansia? Colpa della sedentarietà

L’ansia e la sedentarietà sarebbero strettamente collegati o almeno questo è quello che dimostra una ricerca condotta da alcuni studiosi australiani della Deakin University Centre for Physical Activity and Nutrition Research (C-PAN) che avrebbero invididuato in uno stile di vita scorretto, con troppe ore passate a sedere, la causa di ansia e attacchi di panico.

Troppa tv? Attenzione alle malattie metaboliche

La sedentarietà non è mai un fattore benefico per la salute. Ancora una volta uno studio ci dimostra come il passare troppe ore davanti alla televisione mette a repentaglio il benessere del nostro organismo favorendo l’insorgere di malattie metaboliche, patologie cardiovascolari e diabete. Anche rispetto alla stessa “sedentarietà” vissuta davanti ad un computer.  O anche nel confronto con più ore passate a battere sui tasti di una tastiera.

La prevenzione dei tumori? La insegnano nelle scuole oncologi e calciatori

Il cancro si può prevenire con uno stile di vita sano sin dalla giovane età.  Eppure secondo un’indagine condotta dall’AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) 7 ragazzi su 10 non hanno mai ricevuto informazioni sull’argomento. Da qui l’idea di dare il via ad una serie di incontri direttamente nelle scuole per informare gli adolescenti sui comportamenti a rischio: oncologi nelle classi dunque, ma non da soli, bensì in compagnia dei maggiori campioni del calcio italiano, in prestito dal Campionato di Serie A, quali messaggeri e testimonial del progetto dal titolo emblematico “Non fare autogol”!

Cancro al colon e al seno, più tempo stai seduto e più aumenta il rischio

Più ore stiamo seduti e più aumenta il rischio di cancro al colon o al seno. E’ questa la conclusione a cui sono giunti l’Alberta Health Services-Cancer Care di Calgary, in Canada, ed i ricercatori della Ny University, i quali però sottolineano che il fenomeno si può anche invertire, cioè più ore si passano effettuando attività fisica, e più si riducono le possibilità di ammalarsi di queste neoplasie.

I pediatri della FIMP dicono stop all’obesità infantile, ecco come

E’ in corso in questi giorni a Torino il V° Congresso Nazionale della FIMP Federazione Italiana Medici Pediatri che quest’anno ha scelto un titolo giocoso e particolare: “Assistenti di volo, prepararsi al decollo”. L’ironia deve essere parte integrante di un lavoro di squadra che comprende genitori ansiosi e bambini, ma con la dovuta concretezza d’azione. Non a caso infatti i pediatri della FIMP si sono proposti di accompagnare i propri piccoli pazienti nel percorso di crescita sano (esattamente come fa un assistente di volo durante un viaggio aereo). Ma come?

Il vino rosso combatte le complicanze di una vita sedentaria

Per quanto strana possa sembrare, una nuova ricerca pubblicata sul FASEB Journal suggerisce che l’ingrediente “sano” del vino rosso, il resveratrolo, può prevenire gli effetti negativi tipici di uno stile di vita sedentario. La scoperta è avvenuta per caso, studiando l’effetto che questa sostanza poteva avere sugli astronauti in assenza di gravità. Le cavie (dei ratti) che simulavano la leggerezza del volo spaziale, venivano nutrite con resveratrolo, ed hanno dimostrato di riuscire a non sviluppare la resistenza all’insulina o una perdita di densità minerale ossea, come hanno fatto invece coloro che non sono stati nutriti con resveratrolo.

Giornata Mondiale contro il Cancro: l’importanza dell’attività fisica nella prevenzione

Si celebra oggi, 4 Febbraio,  la Giornata Mondiale contro il Cancro, voluta dall’OMS. Quest’anno l’attenzione è puntata sull’importanza dell‘attività fisica nella prevenzione dei tumori oltre che di tutte le altre malattie non trasmissibili (MNT). In particolare le ricerche scientifiche hanno lungamente dimostrato come la sedentarietà sia responsabile del 21/25% dei casi di tumore al seno e di cancro al colon, oltre che, come sappiamo del 27 % dei casi di diabete e del 30 % delle malattie cardiache ischemiche.

“Queste patologie sono ampiamente prevenibili con interventi efficaci che affrontano quattro fattori comuni di rischio: uso di tabacco, alimentazione scorretta, la sedentarietà e il consumo nocivo di alcol

ha affermato il dottor Gauden Galea, direttore della Divisione di malattie non trasmissibili e Promozione della Salute presso l’OMS Ufficio Regionale per l’Europa. Giornate come quella di oggi servono per informare la popolazione circa gli effettivi pericoli che uno stile di vita errato può creare: ridurre i fattori di rischio del cancro significa salvare milioni di vite.

Mal di schiena per i maniaci della moda a causa di scarpe scomode e borse grandi

Uomini sempre più fashion e sempre più victim…vittime non solo della moda ma anche del mal di schiena. Questo il ritratto del maschio italiano emerso a margine del Congresso della Società Italiana Ortopedia e Traumatologia, in corso in questi giorni a Roma.

Sul banco degli imputati troviamo le scarpe scomode, calzature con i tacchi troppo alti o sformate che mal si prestano ad una corretta postura, sinonimo di camminata corretta e schiena sana.
Sotto accusa anche le maxi borse da uomo, all’ultima moda, troppo pesanti, soprattutto perché poi vengono riempite di oggetti di ogni tipo, dal pc agli accessori tecnologici di ultima generazione, senza i quali oggi spesso non si esce di casa neanche per fare due passi.

Bambini a scuola, come tutelarne la salute

Sta iniziando la scuola in questi giorni. Il calendario è diverso a seconda delle città, ma tutti i genitori ed i bambini sono indaffarati per gli ultimi acquisti, ansiosi ed emozionati per le nuove avventure, ed anche un po’ preoccupati  per vari motivi. Noi di Medicinalive non possiamo che analizzare la correlazione che c’è tra la scuola e la salute dei bambini.

Non so a voi, ma la prima cosa a cui penso sempre sono gli zainetti, sempre troppo pesanti per i miei gusti! A questo proposito la settimana scorsa il Codacons ha diffuso una sorta di decalogo su come deve essere quello giusto per non pesare troppo sulla colonna vertebrale dei bambini.

Il problema si pone principalmente alle elementari ed essendoci già passata, vi posso dire che non è semplice vincere la battaglia contro la seduzione della pubblicità. Ma non bisogna mollare.

8 consigli per i lavoratori sedentari che vogliono rimanere in forma

Se consideriamo il periodo in cui molti lavoratori rimangono seduti ad una scrivania, un sedile di un auto o di un mezzo pubblico, ci rendiamo conto che essi rimangono inattivi per circa 12 ore al giorno. Se consideriamo le ore di sonno, ci rendiamo conto come diventa complicato riuscire a muoversi abbastanza per evitare il sovrappeso. Se ci viene molto difficile fare attività fisica, almeno possiamo cercare di rifarci tramite la dieta. Ecco alcuni suggerimenti per i lavoratori che passano la maggior parte della giornata in ufficio.

1. Seguire una dieta bilanciata e varia. Le diete monotone portano sempre a squilibri e lacune. E’ importante per chi lavora in ufficio selezionare gli alimenti da tutti i gruppi alimentari su base giornaliera:

  • Frutta e verdura;
  • Cereali integrali e alta quantità di fibre;
  • Legumi;
  • Prodotti caseari e latte senza o con pochi grassi;
  • Carne magra, pesce o uova;
  • Margarina e oli mono o polinsaturi

2. Evitare di favorire il sovrappeso. Stare seduti per ore e ore in ufficio mangiando snack grassi può aiutare la formazione dei chili di troppo.

Obesità infantile, non è sempre colpa della sedentarietà

L’attività fisica intensa può essere un modo particolarmente positivo per mantenere i bambini magri, ma la sedentarietà non sembra avere un ruolo importante nel farli ingrassare, spiega una nuova ricerca britannica.

Tuttavia, vi sono ancora un sacco di motivi per evitare l’eccessiva sedentarietà dovuta allo star troppo davanti allo schermo della televisione, spiega il dr. Ulf Ekelund del MRC Epidemiology Unit di Cambridge, Regno Unito e colleghi. Essi dicono che c’è un dato potenziale negativo tra

la violenza, il comportamento aggressivo, scarso rendimento scolastico e l’immagine scarsa del proprio corpo.

Per contribuire a rivelare il ruolo svolto dal tempo trascorso in diversi tipi di attività che fanno ingrassare i bambini, indipendentemente dal tempo passato davanti alla tv, Ekelund e il suo team hanno osservato 1.862 bambini di 9 e 10 anni, il 23% dei quali era in sovrappeso o obeso.