Asma e allergie, consigli per una vacanza sicura

Asma e allergie possono rappresentare un problema quando si parte per le vacanze? No, se si osservano alcune piccole regole che consentono di viaggiare sicuri anche se si è alle prese con questi disturbi, che in estate possono anche tendere ad aumentare in presenza di alcune circostanze specifiche.

Sindrome da rientro dalle vacanze, sintomi e rimedi naturali

Dopo le vacanze ritornare al tran tran quotidiano e soprattutto alla routine lavorativa può risultare particolarmente pesante. Sono tanti, infatti, i lavoratori, che al rientro dalle ferie, soffrono della cosiddetta sindrome da rientro, che comporta problemi di digestione, mal di testa, dolori muscolari, mancanza di concentrazione, ecc. Quando si cambiano le abitudini in modo repentino, infatti, si destabilizzano gli equilibri dell’organismo, con una ricaduta sia sulla sfera fisica, che psichica.

I disabili ed il diritto a delle vacanze serene

La disabilità motoria è una condizione che molto spesso crea problemi alle persone non solo per via della patologia dalla quale sono affette, ma soprattutto per una disorganizzazione generale dei luoghi deputati ad accoglierli per definizione. E nel periodo delle vacanze questo è un problema che si esacerba e si nota.  Un’iniziativa promette di aiutare questa fascia della popolazione.

Dove andare in vacanza in caso di asma, allergia ed altre patologie?

Dove andare in vacanza in caso di asma? Una domanda che si pongono sempre in molti, ma sulla quale, va detto, non bisogna fissarsi più di tanto. In genere in caso di asma, come di altre malattie respiratorie, allergie o altre patologie croniche, occorre scegliere in base ai gusti e alle esperienze passate, oltre che alla razionalità: è chiaro che se si è allergici alle graminacee, non si sceglierà un albergo immerso tra questi pollini, ma si potrà optare per qualunque destinazione. Oppure se si rischiano aggravamenti è importante non trovarsi sprovvisti di una struttura sanitaria di supporto.

Le norme di sicurezza per gli appassionati di subacquea

Se per le vostre vacanze 2011 avete deciso di vivere il mare in tutto il suo fascino e di cominciare a prendere lezioni di subacquea dovete tenere presenti alcune semplici, ma importanti norme di sicurezza. Regole valide anche per chi il brevetto da sub lo ha conseguito da tempo e vuole tornare ad immergersi dopo una lunga pausa. In particolare la società Italiana di medicina subacquea ed iperbarica ne ha tracciate 10 fondamentali che cerchiamo di riassumervi:

Vacanze 2011: in spiaggia e piscina, come salvarsi da micosi e dintorni

Correre a piedi nudi sulla spiaggia o passeggiare sul bordo piscina: gesti che hanno il sapore delle vacanze che stanno per cominciare per la maggior parte di noi. Attenzione però alle insidie. Tra la sabbia o sul verde prato che circonda lo specchio d’acqua artificiale del vostro albergo si nascondono virus, funghi e batteri microscopici….raramente pericolosi, ma molto fastidiosi. Pensiamo ad esempio alle verruche o alle micosi che in questa stagione sono particolarmente frequenti perché le alte temperature ne favoriscono la proliferazione.

Jet lag sociale, tornare a lavoro dopo le feste

Accantoniamo il disagio psicofisico provocato dai lunghi viaggi in aereo e dalla difficoltà di adattamento al fuso orario per trattare di un’altra forma di jet lag, etichettata dagli esperti come sociale.  Se ne sente parlare poco, ma lo conosciamo tutti, o almeno chiunque deve affrontare il rientro al lavoro dopo le vacanze.

Ritornare alla normalità dopo le feste, in questo caso la lunga settegiorni che ha incluso il Natale ed il Capodanno, ed i giorni intermedi per i più fortunati, non è affatto semplice. Tralasciando lo stress fisico generato dagli eccessi alimentari e dagli stravizi che caratterizzano le festività invernali, ed un organismo saturo di grassi e tossine che brama di smaltire al più presto, un gruppo di ricercatori britannici coordinato dalla dottoressa Victoria Revell spiega che, a conti fatti, la vacanza poi così vacanza non è se lascia stremati e scombussolati negli equilibri.

Meduse, cosa fare quando pungono

Le meduse, toccarle può essere pericoloso, ma sono già qui: con il caldo tornano ad affacciarsi nel Mediterraneo, ormai diventato quasi tropicale. Sono state avvistate a metà giugno in prossimità di Orbetello e non solo: sciami di Velella hanno già colorato di blu le spiaggie liguri, nel Tirreno e’ tornata (e in abbondanza) la Pelagia, fortemente urticante.

Con gli stessi fastidiosi effetti è possibile incontrare anche la Physalia, che non è propriamente una medusa, anche se ci somiglia. Insomma, meduse o no, questi affascinanti e splendidi abitanti del mare promettono di intimorire i vacanzieri un po’ ovunque in Italia.

Viaggi, il passaporto sanitario per partire sicuri

Se è vero che le ferie ormai sono diluite in tutto il corso dell’anno, è anche vero che il picco di partenze per l’estero o per i luoghi di villeggiatura in Italia si registra pur sempre nei mesi estivi, in particolare ad agosto, in quelle due settimane centrali in cui è impossibile trovare qualcosa di aperto in città.
Ebbene, per partire sicuri, l’idea è di premunirsi di una sorta di passaporto sanitario in cui siano riportate, in molte lingue tra le principali parlate al mondo, i nostri dati relativi alle condizioni di salute, ad esigenze specifiche, allergie, al gruppo sanguigno, i farmaci che si assumono, quelli a cui siamo intolleranti e così via.

A proporlo è Vincenzo Nicosia, il presidente nazionale Simvim (Società Italiana di Medicina dei Viaggi e delle Migrazioni), con lo scopo di viaggi più spensierati dal punto di vista degli inconvenienti che possono interessare la nostra salute in vacanza. Il passaporto sanitario sarà a disposizione di chi lo desidera.

Sorrisi d’agosto, un numero verde per trovare un dentista in vacanza

La salute dei denti non va in vacanza. O meglio, i dentisti sì, per la precisione le stime parlano di 4 odontoiatri su 5 che chiuderanno i battenti nel mese di agosto. Per trovare i pochi studi ancora aperti nella nostra città o nel luogo di villeggiatura, ci viene in aiuto l’iniziativa Sorrisi d’agosto, con l’attivazione di un numero verde 800.911.202, che ci fornirà gratuitamente l‘indirizzo del dentista più vicino.

A promuovere l’istituzione del servizio l’ANDI, l’Associazione Nazionale Dentisti Italiani, che ha anche inaugurato un sito www.obiettivosorriso.it, in cui è sufficiente (nella seziona trova dentisti) digitare l’area geografica di interesse per localizzare il dentista più vicino, con indirizzo, orari e giorni di apertura, e numero di telefono. E, a quel punto, non resterà che alzare la cornetta e prenotare un appuntamento.

Vacanze: come fare se non si riesce a prender sonno

Le tanto agognate vacanze si avvicinano. Comincia a far caldo e molti italiani stanno cominciando a progettare le prossime vacanze estive, se non l’hanno già fatto. Ma oltre ai tantissimi benefici che possono avere le ferie, c’è anche qualche piccolo problema, che per alcuni può essere anche più grave: la difficoltà a prender sonno.

Chi non ha la fortuna di possedere una casa al mare, sarà costretto ad affittarne una, oppure si recherà in albergo, o peggio ancora andrà in campeggio a dormire per terra. Nella maggior parte dei casi, la prima notte sarà un inferno. A parte le zanzare, il cruccio maggiore sarà rappresentato dal materasso troppo morbido o troppo duro, dal cuscino troppo scomodo e tanti piccoli particolari che molto spesso non permettono di chiudere occhio. Come fare per superare questo piccolo grande ostacolo? Medicinalive vi consiglia come dopo il salto.

Bandiere verdi: le spiagge a misura di bambino

Si avvicinano le vacanze ed è tempo per tutta la famiglia di scegliere i luoghi di villeggiatura in cui portare i bambini.
E’ noto come i più piccoli preferiscano le località marine e, senza nulla togliere alla montagna, la villeggiatura al mare è salutare soprattutto nell’età della crescita.

Per i bambini, poi, è decisamente più divertente stare a giocare sulla spiaggia e tuffarsi nell’acqua e sembra che il mare sia da sempre il loro luogo di vacanza preferito.
Per voi genitori, non resta, dunque, che scegliere tra le tante spiagge italiane e prenotare le ferie.
Si, ma come orientarsi tra le mille opzioni e valutare quali siano le spiagge a misura di bambino?