Home » COSTUME & SOCIETA' » Costume e Società » Float: fare sport su una poltrona

Float: fare sport su una poltrona

Fitness + wellness. È la promessa di Float (Functional linked overall adaptive training), una nuova disciplina nata da poco in Italia e non come al solito importata dagli States. Il programma si basa su due pilastri: l’unicità della persona e la considerazione che il sistema uomo vale più della somma delle sue singole parti. «L’obiettivo è quello di permettere di esprimere tutte le funzioni motorie. con un approccio basato sulla qualità e non sulla forza», spiega Daria Illy, ideatrice del metodo e docente in Scienze motorie all’università di Urbino.

«La ginnastica viene praticata su una chaise-longue dalla forma concava, la Lazy Mary, nata come oggetto di design e diventata un attrezzo per il fitness. Questo programma permette di mantenere la postura corretta, evitando tutti i problemi di contratture, dolori muscolari e soprattutto i disturbi della colonna vertebrale e della schiena. Aumenta, inoltre, la funzionalità motoria, migliora il controllo dei movimento e la mobilità articolare, il movimento aiuta ad avere una migliore percezione di se stessi, con un’interazione assoluta fra corpo e mente».

Una lezione dura in media 45 minuti e si svolge con al massimo dieci partecipanti. Float significa galleggiare ed è esattamente la sensazione percepita una volta trovato l’equilibrio sulla chaise-longue. I primi esercizi sulla Lazy Mary, eseguiti con la supervisione di un personal trainer, sono mirati alla respirazione, alla percezione dei corpo e alla presa di contatto consapevole dei singoli distretti articolari», spiega l’esperta. «Le curve, le concavità, le convessità e i bordi della Lazy possono essere sfruttati per eseguire i movimenti. Una volta familiarizzato con gli esercizi, da sdraiati si passa alla posizione da seduti dove si attivano i muscoli del “core” (la zona di collegamento tra arti superiori e inferiori, addominali e paravedebrali).


Il lavoro prevede poi dei passaggi dalla posizione seduta a quella in ginocchio, fino ad arrivare in piedi: il momento più impegnativo perché richiede di mantenere un continuo punto di equilibrio». Il Float può essere praticato da tutti e a qualsiasi età, grazie a questa metodica di insegnamento progressiva che non richiede all’inizio una preparazione specifica. Il workout permette di migliorare il senso dell’equilibrio, di mantenere la postura corretta, di favorire l’allenamento cardiovascolare e di aumentare la resistenza. In più in una seduta si bruciano oltre 400 calorie.

Lascia un commento