Polipo, cisti, fibroma o tumore all’utero?

di Cinzia Iannaccio 0


Richiesta di Consulto Medico

“Buongiorno, sono una ragazza di 28 anni che ha avuto un bimbo il 1°gennaio di quest’anno. Subito dopo il parto, mentre l’ostetrica procedeva a mettere i punti, interni ed esterni, ha notato una escrescenza sulla parete vaginale destra, e inizialmente pensava fosse un prolasso della vescica, invece era una cisti di un paio di centimetri… alla visita dei 40 giorni, il ginecologo ha notato lo stesso rigonfiamento e ha chiesto se volessi farla asportare. Alla visita dei 90 giorni dal parto, la famosi cisti si era trasformata in una formazione peduncolata, della grandezza di un paio di cm. ……

 

Dopo la visita in ospedale, sono andata anche da un ginecologo privato che ha confermato la tesi, e mi ha dato appuntamento a metà agosto per controllare se per caso fosse rimpicciolita e per valutare l’exeresi. Da allora non ho più dato peso alla cosa, dato che non mi dà particolari problemi e non ho nessun tipo di perdita, nè dopo i rapporti, e nemmeno fra un ciclo e l’altro. Due giorni fa, lavandomi, ho provato a toccare e, purtroppo, ho sentito che questo “polipetto” peduncolato, rispetto a 2 mesi fa, mi sembra ingrandito ulteriormente, direi del doppio quasi, e al tatto sembra composto da più escrescenze… sarà circa sui 4 cm… sono molto preoccupata… anche perchè leggendo su internet, capisco che le neoformazioni che crescono così velocemente sono in genere maligne… ed è difficile che nella vagina si formi qualcosa di primitivo, di solito non sono formazioni causate da metastasi? Grazie per l’eventuale risposta… sono davvero molto molto in ansia.”

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema formazione vaginale

Risponde il dott. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti www.ipertermiaitalia.it

 

“Gentile Signora, potrebbe tranquillamente trattarsi di un fibroma peduncolato della parete vaginale (formazione benigna). La rapidità di crescita non è necessariamente indice di malignità e peraltro le formazioni vaginali maligne sono evenienza rara. Si tratta poi assai raramente di metastasi all’interno della vagina (ripeto, ipotesi assai assai remota che mi sentirei di escludere). Certamente, ad ogni buon conto, opportuno videat ginecologico ed asportazione se non altro perchè anche una formazione benigna crescendo può creare dei fastidi. Un grande in bocca al lupo per tutto. Dr. Carlo Pastore, oncologo”.

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post:

Fibromi uterini | MedicinaLive

Fibromi uterini, via con gli ultrasuoni | MedicinaLive

Fibromi, cura efficace la pillola del giorno dopo? | MedicinaLive

Fibromi e polipi: togliere senza anestesia e ricovero | MedicinaLive

Cisti ovariche: sintomi, cause, pillola, cura, foto e diagnosi

 

Se avete altri dubbi o domande da porre ai nostri esperti visitate la pagina dedicata all’invio dei quesiti Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive, ricordando quanto segue:

non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie. Medicinalive ed i medici coinvolti in questa rubrica propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>