Lesione legamento crociato anteriore sintomi e rimedi

La lesione del legamento crociato anteriore consiste nella rottura parziale o totale di uno dei 4 legamenti più importanti del ginocchio. Scopriamo quali sono i sintomi di questo problema e i rimedi che è possibile mettere in atto per arrivare alla guarigione.

Scompenso cardiaco, antinfiammatori tra le cause?

Gli antinfiammatori causano scompenso cardiaco? Nel mirino di una indagine condotta dalla Università di Milano-Bicocca e pubblicata sul British Medical Journal, finiscono alcuni medicinali in particolare che avrebbero come effetto quello di danneggiare il regolare funzionamento del cuore.

Dipendenza da antidolorifici, conseguenze e sintomi

Conseguenze e sintomi della dipendenza da antidolorifici: quali sono? Spesso si tende a fare di questo genere di farmaci un abuso piuttosto che un uso corretto. Vediamo insieme a cosa si va incontro con questo tipo approccio.

I farmaci da banco per combattere i sintomi dell’influenza

Quali farmaci da banco per combattere i sintomi dell’influenza? Naso che cola e starnuti, la gola brucia ed è arrossata, la tosse è persistente ed in alcuni casi arriva la febbre. Sono sintomi comuni tutto l’anno che però si sviluppano soprattutto in questo periodo dell’anno, in cui si ha il picco dell’influenza, grazie al freddo che facilita le condizioni di sviluppo e circolazione dei virus e perché no, anche dei batteri. La prima cosa che si tende a fare in questi casi, soprattutto se il lavoro non ci permette di stare al caldo e a riposo tra le quattro mura domestiche, è quella di prendere dei farmaci, per lo più di automedicazione (o medicinali da banco), quelli cioè vendibili senza la prescrizione del medico curante.

In arrivo un nuovo farmaco sostitutivo dell’aspirina e della tachipirina

Un gruppo di scienziati della Scripps Research Institute, negli USA, ha scoperto in che modo regolare alcuni tipi di infiammazioni, che generalmente vengono trattati con i NSAID, ovvero i farmaci anti-infiammatori non steroidei come l’aspirina e la tachipirina. Lo studio, pubblicato su Science Express, ha identificato, infatti, una nuova via metabolica per il controllo delle infiammazioni cerebrali.

Ginkgo Biloba, un rimedio naturale contro infiammazioni e dolore

L’estratto di Ginkgo Biloba potrebbe essere un efficace rimedio naturale per alleviare il dolore e alcuni tipi di infiammazione. Lo sostiene una ricerca ancora in corso, della della Glasgow Caledonian University, diretta dalla dottoressa Sharron Dolan e pubblicata da “Anesthesia and Analgesia”.

Antidolorifico senza effetti collaterali? La conolidina

La conolidina, è una sostanza naturale ricavata dalla corteccia di un albero, per la prima volta sintetizzata in laboratorio da un gruppo di ricercatori statunitensi. Si tratta di un potente antidolorifico, efficace come la morfina, ma privo di effetti collaterali e senza pericoli di assuefazione.

Lo studio dello Scripps Research Institute, in Florida, è stato pubblicato su Nature Chemistry e spiega come la conolidina possa essere impiegata con efficacia in sostituzione della morfina, che nonostante abbia molti effetti collaterali, resta l’analgesico più utilizzato negli ospedali.

Il Karkadè per risolvere i problemi di ipertensione

Parafrasando il titolo di un programma televisivo di tendenza, avremmo potuto titolare il post con il neologismo “Nonsolochimica”; già, perché a volte la medicina si affanna nella ricerca di rimedi artefatti per curare alcune patologie, ma solo finché non si accorge che anche nella Natura risiedono possibilità straordinarie. E’ il caso dei fiori dell’Hibiscus sabdariffa, a noi più noto come ingrediente essenziale di quegli infusi di Karkadé tanto in voga nei bar di questi tempi.

L’Hibiscus è una pianta perenne che cresce spontaneamente in Africa come nell’Asia tropicale, i cui fiori giallo chiaro – talvolta rosa – quando si sviluppano le capsule diventano rosso vivo. Da qui il classico colore delle tisane, che però non è l’unica – né la principale – caratteristica del Karkadé. Ricercatori della Tuft University di Boston hanno dimostrato che questa bevanda potrebbe diventare il rimedio naturale “principe” contro l’ipertensione.

Acne: il needling per cura delle cicatrici

Fino ad oggi l’acne è stata considerata un problema estetico dovuto all’ostruzione delle ghiandole sebacee della quale i processi infiammatori della pelle sarebbero stati una conseguenza. Ma in realtà non è così. Ad affermarlo i dermatologi riuniti al IV Congresso nazionale congiunto di Adoi-Sidemast svoltosi a Napoli nei giorni scorsi.

Gli specialisti infatti sono attualmente propensi a considerare l’acne una patologia infiammatoria su base genetica. Per questo motivo la cura elettiva dovrà essere fondata sull’impiego di farmaci antinfiammatori. Ad affermarlo il dottor Giuseppe Monfrecola, della Clinica dermatologica dell’università Federico II di Napoli, che spiega come oltre all’indispensabile l’applicazione di creme e pomate sulle lesioni, nei casi più gravi si dovrà ricorrere anche all’assunzione di questa tipologia di farmaco per via orale.

Meteoropatia: il cielo grigio e i cambiamenti d’umore

Vi è mai capitato di sentirvi giù di morale, stanchi e spossati quando fuori piove ed il cielo è colorato di un grigio cupo?
Quando capita troppo spesso che l’umore cambi e si avvertano dei disturbi fisici per influenza delle condizioni climatiche o il passaggio di stagione, allora si soffre di una vera e propria patologia: la meteoropatia.
Il soggetto meteorosensibile, a causa di fattori costituzionali o acquisiti, ha una particolare predisposizione a contrarre la meteoropatia, sindrome legata alle variazioni meteorologiche.

L’individuo interessato inizia ad avvertire i sintomi già prima che si realizzino i cambiamenti climatici, con un certo anticipo.
Il mutamento climatico deve essere brusco per scatenare la sintomatologia, che di solito ha un’insorgenza acuta e un’altrettanto rapida attenuazione o scomparsa, con il cessare della condizione atmosferica scatenante, o con il realizzarsi della situazione climatica opposta.