Congiuntivite neonatale

Congiuntivite neonatale

La congiuntivite neonatale è un gonfiore (infiammazione) o infezione del tessuto della fodera le palpebre in un neonato.

CAUSE: La congiuntivite neonatale è più comunemente causata da:

  • Dotto lacrimale bloccato;
  • Infezione da batteri o virus, o irritazione provocata dal collirio antibiotico chiamato nitrato d’argento (usato di rado).

La congiuntivite neonatale che è causata da un’infezione da batteri o virus può essere molto grave. Le più comuni infezioni batteriche che possono provocare lesioni oculari gravi sono la gonorrea (Neisseria gonorrea) e la clamidia (Chlamydia trachomatis), che può essere trasmessa da madre a figlio durante il parto. I batteri che normalmente vivono nella vagina di una donna possono anche causare la congiuntivite neonatale.

Vaccino HPV: funziona anche per gli uomini

Il vaccino per il papillomavirus umano (HPV) può prevenire il 90% dei condilomi genitali negli uomini quando somministrato prima dell’esposizione ai quattro ceppi di HPV contenuti nel vaccino, secondo un nuovo studio condotto dal H. Lee Moffitt Cancer Centre e dall’UCSF.

I quattro anni di trial clinici internazionali hanno rilevato un’efficacia in quasi il 66% nella popolazione generale dei giovani, indipendentemente da una precedente esposizione a questi ceppi, e forniscono i primi risultati sull’utilizzo del vaccino HPV negli uomini.

Alcolici e sesso, due alleati nell’errata percezione dei giovani

Torniamo a parlare di Scegli Tu, la campagna di prevenzione e educazione sessuale a 360 gradi promossa dalla SIGO, la Società Italiana di Ostetricia e Ginecologia.
Nell’ambito di quello che è un progetto ad ampio respiro, è stato presentato oggi a Milano l’esito, poco confortante a dire il vero, di un sondaggio condotto tra gli under 35 relativo al sesso nel suo rapporto con l’alcol.

Dai dati emerge che circa la metà dei giovani associa gli alcolici a migliori prestazioni sessuali.
In tutto è stato interpellato un campione a dire il vero piuttosto esiguo di ragazzi e ragazze, 600, ed è stato chiesto loro di elencare i nemici e gli amici del sesso.

Hiv: in aumento i baby contagiati a Milano

L’hanno chiamata addirittura “caccia all’untore”, ma se veramente si volesse fermare l’epidemia di HIV a Milano, basterebbe non fare ciò che tutti ritengono vergognoso, ma che molti fanno lo stesso: avere rapporti sessuali con prostitute o trans. Ed invece è ciò che sta accadendo a Milano, ormai da troppo tempo, dove dei transessuali con malattie sessualmente trasmissibili, prima fra tutti proprio l’HIV, continuano ad agire impunemente e a contagiare i cittadini come ai tempi della peste.

Con la differenza che fermare la peste una volta era impossibile o quasi, evitare di essere contagiati oggi è molto semplice, ma purtroppo l’ignoranza o la volontà di provare il “brivido dell’avventura” hanno portato 9.000 milanesi, stima al ribasso, ad ammalarsi di una terribile malattia da cui non si può guarire.

Prostatite batterica acuta

Prostatite batterica acuta

La prostatite acuta è un gonfiore e irritazione della prostata che si sviluppa rapidamente.

CAUSE: La prostatite acuta è solitamente causata da un’infezione batterica della ghiandola prostatica. Tutti i batteri che possono causare un’infezione delle vie urinarie possono causare la prostatite batterica acuta, tra cui:

  • Enterococchi;
  • Escherichia coli;
  • Klebsiella pneumonia;
  • Proteus mirabilis;
  • Pseudomonas aeruginosa;
  • Staphylococcus aureus.

Pillola del giorno dopo, in Gran Bretagna via libera a minorenni non frena gravidanze indesiderate

La Gran Bretagna, ne abbiamo parlato spesso sulle pagine di MedicinaLive, è il Paese, tra quelli dell’Europa Occidentale, che fa registrare il più alto numero di gravidanze indesiderate tra i giovanissimi, nonché negli ultimi anni anche un vertiginoso e a dir poco allarmante incremento senza precedenti di infezioni sessuali e malattie sessualmente trasmissibili.

Gli esperti e le autorità sanitarie competenti in materia si interrogano da tempo su come frenare questo fenomeno servendosi di un’educazione sessuale più capillare, campagne massicce di informazione e prevenzione, servizi di ascolto e consulenza per i più giovani che si approcciano al sesso.
Una di queste misure, fortemente contestata, è stata senz’altro il via libera alla pillola del giorno dopo anche per le minorenni.

Proctite

Proctite

La proctite è un’infiammazione del retto che provoca disagio, sanguinamento e, occasionalmente, uno scarico di muco o pus.

CAUSE: Ci sono molte cause di proctite, ma possono essere raggruppate nelle seguenti categorie:

  • Malattie a trasmissione sessuale;
  • Infezioni non a trasmissione sessuale;
  • Malattie autoimmuni;
  • Sostanze nocive.

La proctite causata da malattie sessualmente trasmissibili si verifica con frequenza elevata tra le persone che hanno un rapporto anale. Le malattie sessualmente trasmissibili che possono causare le proctite sono gonorrea, herpes, clamidia, linfogranuloma venereo e amebiasi.

Educazione sessuale, in famiglia è tabù

L’educazione sessuale in famiglia è ancora argomento tabù, con quanto ne consegue per la salute degli adolescenti che spesso arrivano al primo rapporto sessuale impreparati e disinformati, con un correlato aumento delle malattie trasmissibili sessualmente. Pensate che tra le infezioni, il 68% dei casi di clamidia ed il 48% dei contagi di gonorrea si verificano proprio nei giovani sotto i 25 anni.

In una famiglia su tre non si è mai parlato di sesso e prevenzione di malattie e gravidanze indesiderate e la confusione dei genitori relativamente a metodi contraccettivi e vita degli adolescenti non aiuta certo a fare degli adulti interlocutori affidabili per i ragazzi e le ragazze che muovono i primi passi nel mondo del sesso. Dati preoccupanti, quelli che emergono dal recente sondaggio condotto dalla Sigo su un campione di 600 genitori.

La pillola anticoncezionale allunga la vita

Dall’Inghilterra arriva un motivo in più per le donne per utilizzare la pillola anticoncezionale: allunga la vita. Uno degli studi più ampi mai effettuato nella storia della medicina, riguardante oltre un milione di donne in 39 anni di osservazioni, ha scoperto che coloro che utilizzavano abitualmente la pillola per evitare la gravidanza avevano un tasso di morte del 12% inferiore rispetto a quelle che non la utilizzavano.

La ricerca è stata effettuata presso l’Università di Aberdeen e pubblicata sul British Medical Journal. Secondo gli studiosi il maggior effetto, oltre che sulla gravidanza, la pillola lo ha sul cuore, con la riduzione delle malattie cardiovascolari dopo i 50 anni, e sull’apparato riproduttivo, facendo registrare una diminuzione dell’insorgere dei tumori alle ovaie, all’utero e al colon retto.

Meningite sifilitica

Meningite sifilitica

La meningite sifilitica, chiamata più precisamente meningite asettica sifilitica, è una complicanza della sifilide non curata che coinvolge l’infiammazione dei tessuti che ricoprono il cervello e il midollo spinale. La condizione è caratterizzata da cambiamenti dello stato mentale e problemi con la funzione nervosa.

CAUSE: La sifilide è una malattia a trasmissione sessuale, causata dallo spirochete Treponema pallidum. La sifilide ha tre fasi principali: sifilide primaria, sifilide secondaria e sifilide terziaria. La meningite asettica sifilitica è una forma di neurosifilide meningovascolare, che è una progressiva complicazione pericolosa.

La malattia somiglia alla meningite causata da altre malattie. Vi è l’infiammazione delle meningi (membrane che ricoprono il cervello e il midollo spinale). Questo può causare mal di testa, alterazioni cognitive, o la diminuzione delle funzioni nervose come la vista, il movimento, o la sensibilità. I sintomi vascolari, come l’ictus secondario alla sifilide, comunemente accompagnano o seguono la meningite asettica sifilitica.

Educazione sessuale nelle scuole, ginecologi SIGO rispondono agli adolescenti in chat

Educazione sessuale nelle scuole. Fondamentale come l’educazione civica, l’educazione fisica ma tagliata fuori dai programmi ministeriali italiani che ne hanno fatto un tabù, contribuendo, con il silenzio sui temi della prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili e sulla contraccezione, ad alimentare falsi miti che conducono ad errori grossolani i giovanissimi, sbagli che costano cari, come una gravidanza indesiderata, la contrazione di patologie veneree, o peggio il senso di colpa di aver fatto qualcosa di sbagliato nel fare l’amore con il proprio ragazzo.

Eppure basterebbe poco per far cadere il muro di sporco sollevato intorno al sesso proprio da quegli adulti che non hanno tanta voglia, o per niente, complice un certo imbarazzo, di parlarne con i figli, piuttosto che con gli alunni, all’interno di programmi di educazione sessuale dedicati e approvati dal Ministero. Il sesso viene coperto di mistero, è l’argomento, l’attività proibita, quasi come se l’impulso all’accoppiamento fosse innaturale, da reprimere, nascondere, vivere in segretezza e ricorrendo a sotterfugi.

Travelsex: la guida per evitare spiacevoli sorprese in vacanza

L’estate è sicuramente il periodo più “pericoloso” per quanto riguarda il sesso. Sempre più giovani vanno incontro a rapporti sessuali con partner semi-sconosciuti (quando non sconosciuti del tutto) anche in età in cui si conosce ben poco del sesso. Secondo la Società italiana di ginecologia e ostetricia (Sigo), il mese di settembre è il mese in cui c’è la maggior richiesta di interruzione di gravidanza per le Under 14, segno che nei mesi precedenti c’è stato qualcosa che non andava.

Per questo la stessa Sigo ha lanciato la campagna sesso informato con l’iniziativa del “Travelsex“, una miniguida che contiene le informazioni su come comportarsi in caso di liaison occasionale e, nel caso di “incidenti”, c’è anche un mini-dizionario in undici lingue per riuscire a cavarsela in ogni situazione.

Un vaccino contro le baby-gravidanze, proposta shock in Gran Bretagna

Le campagne di sensibilizzazione si sprecano, ma evidentemente non sono efficaci. Anzichè diminuire, il numero delle gravidanze indesiderate, soprattutto tra le minorenni, continua ad aumentare, tanto che in Gran Bretagna, la nazione con il più alto tasso di 13enni incinte in Europa, è stata lanciata una proposta scioccante dal Parlamento: vaccinare le ragazzine dalla gravidanza.

La proposta arriva dopo che sono stati diffusi i dati del 2008 sulle gravidanze indesiderate, che hanno messo in luce tutte le lacune del sistema britannico di prevenzione, dagli anticoncezionali all’opera dei ginecologi che tentano in tutti i modi di informare le adolescenti sui modi per evitare di rimanere incinte, ma a cui purtroppo non seguono risultati soddisfacenti.