Naso da cocaina, a Milano boom di rinoplastica per ricostruire setti nasali distrutti

La dipendenza da cocaina causa danni a tutti i livelli, alcuni impossibili da nascondere, come il setto nasale devastato dalle frequenti sniffate. Una traccia di tossicodipendenza troppo evidente da sopportare agli occhi di quella Milano bene che troppo spesso, per il successo, l’euforia o la solitudine, si lascia irretire dalla polvere trappola.

E così si ricorre al chirurgo plastico, per sottoporsi ad una rinoplastica e ricostruire il setto da cocaina, come ormai viene definito. Gli interventi di questo tipo richiesti sono sempre più numerosi per considerarli casi isolati. E’ un fenomeno che preoccupa ed allarma gli stessi chirurghi.

Infertilità maschile, Milano maglia nera

Sulla fertilità dei maschi milanesi, la più compromessa d’Italia, incidono pesantemente numerosi fattori, in primis l’inquinamento ambientale, la dieta scorretta, l’abuso di alcolici, il fumo e le pratiche sessuali a rischio.
Ne ha parlato oggi, nell’ambito del convegno “La prevenzione andrologica del giovane: un obiettivo strategico nazionale”, il professore Giovanni Maria Colpi, coordinatore della SIAMS Lombardia nonché direttore dell’Unità di Andrologia dell’Ospedale San Paolo:

Dalle nostre indagini nelle scuole emerge che un adolescente su due non usa il preservativo. Il 25% di questi entra in contatto con infezioni e il 12,5% contagia a sua volta la partner.

Disabilità, una scuola per imparare ad essere indipendenti a Milano

L’aspetto che forse più ferisce, dell’essere disabili, è il costante bisogno di supporto anche per operazioni comuni e banali di tutti i giorni. Eppure in molti, tra i diversamente abili, riescono a superare questo scoglio, vincendo la tentazione di ricorrere all’aiuto altrui per qualsiasi cosa, imparando ad ingegnarsi ed a farcela da soli, con una forza d’animo ed una determinazione che hanno dell’ammirevole.

Non tutti riescono però a risollevarsi in modo autonomo dal baratro della dipendenza dagli altri, dipendenza che spesso è soprattutto psicologica. Per aiutare chi convive con la disabilità a diventare indipendente, a Milano c’è una vera e propria scuola: la SVAA (Scuola di Vita Adulta Autonoma), in via Ruggero 33, zona 5, al quinto piano.

Salute dei bambini, a Milano visite gratuite per i più piccoli

Milano è scesa da tempo in campo per la salute. Lo dimostrano le iniziative avviate per progettare aree verdi a prova di allergie, il progetto Piazze per la Salute, le farmacie che si trasformano in centri antifumo, ed ora una nuova ventata d’aria fresca per la prevenzione rivolta ai più piccoli, che non devono pagare il prezzo della crisi economica che pure potrebbe ed ha già spinto molte famiglie a tagliare sulla spesa sanitaria.

Da qui nasce l’idea del Comune di mettere a disposizione dei bambini dei check-up gratuiti, con visite dentistiche, oculistiche e della colonna vertebrale.

Allergie primaverili, a Milano aprono i Giardini della Salute

E’ un verde che non provoca, non scatena e non aggrava le allergie quello che sceglie Milano con l’iniziativa I Giardini della Salute, invitando i cittadini a donare al Comune una pianta non allergenica per permettere al popolo di allergici di respirare la primavera a pieni polmoni.

La prima area libera da allergeni è già stata inaugurata a Largo dei Gelsomini ma l’obiettivo, ben più ambizioso, è di tappezzare l’intera città di piccoli parchi a prova di allergia. Il secondo verrà aperto in Piazza Udine. Altri ne seguiranno in Via Sulmona e via Marco D’Agrate. E’ stupefacente quanti alberi, arbusti e piante non allergeniche o scarsamente allergeniche esistano. Motivo in più per non rinunciare né al verde né alla tutela dei soggetti allergici.

Hiv: in aumento i baby contagiati a Milano

L’hanno chiamata addirittura “caccia all’untore”, ma se veramente si volesse fermare l’epidemia di HIV a Milano, basterebbe non fare ciò che tutti ritengono vergognoso, ma che molti fanno lo stesso: avere rapporti sessuali con prostitute o trans. Ed invece è ciò che sta accadendo a Milano, ormai da troppo tempo, dove dei transessuali con malattie sessualmente trasmissibili, prima fra tutti proprio l’HIV, continuano ad agire impunemente e a contagiare i cittadini come ai tempi della peste.

Con la differenza che fermare la peste una volta era impossibile o quasi, evitare di essere contagiati oggi è molto semplice, ma purtroppo l’ignoranza o la volontà di provare il “brivido dell’avventura” hanno portato 9.000 milanesi, stima al ribasso, ad ammalarsi di una terribile malattia da cui non si può guarire.

Le Piazze della Salute, a Milano visite mediche gratuite

L’importanza della prevenzione è indiscussa, spesso però prenotare una visita specialistica di routine tramite il servizio sanitario nazionale richiede tempi biblici, per una mammografia si aspetta mesi in molte città, per fare solo un esempio. E siccome le visite private non tutti possono permettersele, si rimanda con quanto ne consegue per la diagnosi precoce delle malattie che, come sappiamo, è fondamentale per sconfiggere i tumori e rallentare il decorso di patologie degenerative e in generale per avere maggiori probabilità di guarigione e minori conseguenze.

E proprio per agevolare i cittadini che vogliono pensare alla prevenzione, è partita ieri a Milano l’iniziativa promossa dall’Assessorato alla Salute del Comune dal titolo Le Piazze della Salute, con camper sparsi in vari punti della città, soprattutto nelle zone disagiate, che offriranno visite mediche gratuite nei prossimi 81 giorni. Il sindaco del capoluogo lombardo, Letizia Moratti, spiega che l’iniziativa è nata

per sensibilizzare la città sui grandi temi della salute, della buona sanità, dei corretti stili di vita, del benessere psicofisico e della cura di sé.

Convivio 2010, a Milano shopping per combattere l’Aids

Aids. In Italia, stando ai dati diffusi nel corso dell’Hiv Summit Italia 2009, sarebbero duemila i casi ogni anno. Quattromila invece i sieropositivi. Per un totale di centoventimila casi. Il dato preoccupante è che molti pazienti non sanno di aver contratto il virus e se ne accorgono quando ormai la malattia è in uno stadio avanzato. Con l’aggravante di contagiare, nel frattempo, inconsapevolmente, altre persone.

Per aiutare la ricerca a Milano da venerdì 11 giugno fino al 15 si svolgerà una manifestazione di beneficenza, Convivio 2010, a Fieramilanocity, pad. 1, Porta Teodorico 12. Si tratta di una raccolta fondi che si tiene ogni due anni a inizio giugno: la prima volta risale al 1992 e siamo alla decima edizione. A idearla lo stilista Gianni Versace che riunì i grandi nomi della moda per raccogliere fondi da destinare alla lotta all’Aids. Protagonisti la solidarietà e lo shopping.

Milano: campagna anti-fumo, si vincono sconti su cinema, libri e viaggi

Smettere di fumare conviene. Ne guadagna prima di tutto la salute del fumatore e di chi gli sta intorno, ne risente il portafoglio, l’ambiente, ed ora, almeno per chi risiede a Milano, c’è un vantaggio in più. Tra 2 settimane parte la campagna anti-fumo indetta dal comune lombardo per cercare di far smettere di fumare quanti più giovani possibile.

Le iscrizioni sono già aperte, ma se avete intenzione di iscrivervi dovete affrettarvi, in quanto a partecipare a questo primo esperimento saranno solo in 100. Per stimolare i giovani a non fumare, l’assessore alla Salute, Giampaolo Landi di Chiavenna, l’ideatore del progetto, ha spiegato che il comune offrirà a chi avrà dimostrato di non aver più acceso una sigaretta, degli sconti in molti negozi, come quelli di libri, tecnologia, cinema e addirittura sui viaggi. Basterà mostrare la card antifumo vinta. Ma non finisce qui.