Dolore polpaccio, cause e cosa fare

Le cause del dolore al polpaccio possono essere molte e vale la pena indagare per capire come curare il problema in modo efficace. Avvertite fastidio camminando oppure dopo palestra? O ancora, lo riscontrate anche a riposo? In ogni caso il consiglio è quello di non perdere troppo tempo: se sottovalutato, il dolore al polpaccio può peggiorare.

Epicondilite, come si cura e cos’è

Cos’è l’epicondilite? Si tratta di una infiammazione a carico dell’epicondilo che si trova all’altezza dell’articolazione del gomito e che, se sollecitato troppo o nel modo sbagliato, provoca dolore anche molto intenso che rende impossibile svolgere azioni apparentemente semplicissime, come ruotare la maniglia della porta, oppure versarsi da bere.

7 falsi miti sul fitness

7 falsi miti sul fitness: eccoli per voi. Quando si parla di attività fisica vi sono spesso delle bugie che passando per verità rovinano e non poco il lavoro utile che si potrebbe fare. Vediamoli insieme.

Sindrome del piriforme: esercizi di stretching (FOTO e VIDEO)

La sindrome del piriforme è una condizione molto dolorosa causata dalla compressione meccanica del nervo sciatico da parte del piriforme, un muscolo sottile e di forma simile ad un triangolo, che origina direttamente sull’osso sacro a livello S2-S4. Spesso viene scambiata per lombosciatalgia poiché presenta sintomi molto simili. Vediamo insieme quali sono gli esercizi di stretching più efficaci per allentare la tensione del muscolo piriforme.

Allenamento sportivo quotidiano con il freddo

Allenamento con queste gelide temperature? Con il freddo e le vacanze di Natale si tende ad interrompere la routine quotidiana. Purtroppo spesso significa rinchiudersi in casa davanti al caminetto a bere cioccolata calda e mangiare panettoni. E’ un errore: per mantenersi in forma ed in salute occorre fare  sempre un minimo di attività motoria ogni giorno, almeno 30 minuti di camminata. E’ altresì un “pessimo” errore se si era appena presa l’abitudine di allenarsi almeno tre o quattro volte a settimana. Le temperature rigide non devono e non possono essere una scusante valida. Le alternative ci sono. Vediamo insieme come e perché praticarle.

Salute e benessere con il fitness: in fiera a Rimini

Cercate salute e benessere? E’ tornato Rimini Wellness l’appuntamento con il fitness che si svolge annualmente: 4 giornate all’insegna della salute e dello sport dal 12 al 15 maggio. La fiera è stata organizzata ad opera di Rimini Fiera Spa, con il patrocinio di: Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministro della Gioventù, Regione Emilia-Romagna, Provincia di Rimini, e Comune di Rimini.

Molti studi scientifici hanno messo in evidenza l’importanza dello sport quale arma per combattere l’obesità, l’osteoporosi, le malattie cardiovascolari ed i tumori. Il tutto se praticato con regolarità e moderazione.

Gli esercizi per sgranchirsi in aereo

L’aereo è un mezzo molto comodo per organizzare le vacanze, dato che ci fa raggiungere in poche ore anche gli angoli più sperduti del mondo. Ha però qualche controindicazione, come la possibilità del mal d’aria o la paura di volare, a cui se ne aggiunge un’altra che sorge durante i viaggi molto lunghi come quelli transoceanici: l’immobilità.

Stare fermi per tante ore nella stessa posizione, aggiunto alla paura, alla tensione e agli spazi stretti degli aerei, può portare ad intorpidimento, formicolio agli arti, debolezza e crampi. Per questo è sempre consigliato muoversi il più possibile durante il volo, quando consentito. Ma siccome in un aereo non c’è molto spazio, Alitalia ha diffuso una serie di piccoli esercizi che vi possono servire per evitare i problemi dell’immobilità. Dopo il salto vediamo quali sono.

Partecipare ad una gara/4: aspetto psicologico

Non riuscirete a godervi la vostra prima corsa se non assumete un atteggiamento positivo. Più spesso di quanto si creda, pensare positivo vuol dire trasfor­mare la gara in un’esperienza positiva. Non preoccupatevi se arrivate ultimi. Innanzitutto, se vi siete allenati probabilmente non vi succederà, anche perché oggigiorno alle gare di corsa si iscri­vono molti “camminatori”. E anche se arrivate ul­timi … beh? Sicuramente riceverete un applauso simile a quello del vincitore. Non temete la distanza.

Se vi siete allenati riusci­rete a completare il percorso. Se siete davvero stan­chi e vi sentite di camminare, fatelo. Nella prima gara l’obiettivo principale è arrivare al traguardo e sentirsi bene. Il record mondiale può aspettare… Un semplice sorriso può fare miracoli per lo stato d’animo, e più siete di buonumore, migliori sa­ranno le vostre prestazioni. E’ stato appurato da de­cine di ricerche che l’atteggiamento positivo aiuta enormemente a coprire distanze maggiori una volta stanchi. Ricordatevi sempre che le gambe sono gui­date dal cervello…

Runners: consigli per cominciare a correre

 

Dopo aver puntato i riflettori sul semplice gesto del camminare, magari velocemente, con costanza, senza indulgere a soste continue davanti alle vetrine (quello si chiama shopping e non fa bene né alla salute né al portafogli) proviamo a ve­dere cosa bisogna fare per iniziare a correre. Non che sia indispen­sabile diventare dei podisti (o run­ners o joggers, a seconda dei casi e del vocabolario che si usa) ma se già da due mesi avete comin­ciato a fare attività fisica, arrivando a camminare velocemente, senza fare molta fatica e riuscendo per­sino a conversare, avrete capito da soli che è arrivato il momento di correre.

 Ve lo chiedono le vostre gambe, ve lo chiede espres­samente il vostro corpo, che lo vo­gliate o meno. I consigli che mi sento di darvi sono semplici, basilari, vorrei dire di buon senso. Per ora accontentatevi di prendere confidenza con il terreno, con le scarpe, con il sudore, le endorfine, la fatica iniziale. Se arrivate da un periodo di walking già dovreste avere i muscoli rodati e limitare al minimo i possi­bili fastidi a polpacci, tendini, ginocchia, essendo quella della corsa una pratica sportiva che ne­cessita di adattamenti importanti per il fisico.

Jogging: consigli e benefici della salutare “corsetta”

Il termine jogging significava originariamente il percorrere una certa distanza lentamente, in maniera rilassata.
Oggi il concetto di jogging si è esteso ad altri significati e viene spesso associato all’idea di una corretta e sana attività fisica, per mantenersi in forma, o ad un modo per impiegare il tempo libero o ancora per socializzare e per liberare la mente ed il corpo dallo stress psico-fisico.

Si può praticare jogging sia in città che in campagna, ma è preferibile scegliere sempre zone verdi, come parchi o viali alberati. Occorre iniziare gradualmente con 15 minuti la prima volta e poi aumentare le sessioni successive fino ad arrivare a 30-45 minuti.
Prima di correre è bene effettuare qualche esercizio di riscaldamento, anche semplicemente camminare velocemente per una decina di minuti.
Alla fine è bene fare un po’ di stretching.
Per ottenere dei risultati bisognerebbe correre almeno 2 o 3 volte a settimana per 20 minuti circa.