Influenza, la dieta della Coldiretti per contrastarne i sintomi

di Redazione 0

La Coldiretti è di parte, si sa, ma quando si parteggia per frutta e verdura e la si associa alla salute non si sbaglia mai. E così pubblichiamo volentieri i consigli per combattere l’influenza a tavola diffusi in queste ultime ore dall’associazione.

Si parte dal presupposto che fa più freddo, le temperature sono in calo, e l’apporto calorico deve essere adeguato a gestire il clima più rigido, ovviamente sempre in relazione al sesso, all’attività fisica e alle esigenze alimentari specifiche. Se siete influenzati o a rischio influenza la dieta dimagrante, insomma, pare proprio che dovrà aspettare.

La Coldiretti consiglia di aumentare l’introito calorico, iniziando da una colazione con latte, miele o marmellata, ovviamente genuini.
A pranzo via libera a zuppe di legumi, verdure e alla frutta, per fare il pieno di vitamine e di antiossidanti fornendo un valido supporto al nostro sistema immunitario contro l’insorgenza dell’influenza. I legumi, poi, sono ricchi di ferro e hanno un alto contenuto di fibre che consente un miglioramento della funzionalità intestinale. E ancora:

Oltre a frutta e verdura ricca di antiossidanti nella dieta per sconfiggere l’influenza non devono mancare latte, uova e alimenti ricchi di elementi probiotici quali yogurt e formaggi come il parmigiano e, per alcuni esperti, anche il miele e l’aglio, che contiene una sostanza, l’allicina, particolarmente attiva nella prevenzione.

Tra le verdure un must spinaci, ravanelli, zucchine, cicoria, zucca, carote e broccoletti, per via dell’apporto elevato di vitamina A. Vitamine e sali minerali facilitano un cambio di stagione soft all’organismo.
In tanti storceranno il naso, ma anche l’aglio e la cipolla, rigorosamente crudi, hanno una valenza antibatterica non indifferente.
Per quanto riguarda la frutta sono particolarmente indicati kiwi, clementine e arance, made in Italy, s’intende, anche perché i lunghi viaggi potrebbero comprometterne l’apporto vitaminico.
Sali minerali e vitamine, dunque. E le proteine?

Va anche ricordato, concludono dall’associazione, che in un soggetto normale l’assunzione di proteine deve essere compresa tra 0,8-1,3 grammi di proteine per chilo di peso corporeo, per cui una buona dose di carne nella dieta non può fare che bene.

Per saperne di più su dieta e influenza potrebbero interessarvi anche:

[Fonte: Agi]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>