Infedeltà, una questione genetica?

Infedeltà: colpa della genetica? Secondo alcune ricerche scientifiche c’è una buona prevalenza di questo fattore. L’ultima analisi al riguardo è stata pubblicata proprio in questi giorni dal Daily Mail e riporta una scoperta fatta presso la State University di New York: un gene sarebbe responsabile del tradimento, dell’incapacità di essere fedele al proprio partner. In particolare l’”anomalia” cromosomica si chiama DRD4 ed è la stessa che renderebbe sensibili alcuni individui all’alcolismo e/o gioco d’azzardo patologico: parliamo cioè quella che si definisce una predisposizione genetica.

Questo gene infatti sarebbe collegato al rilascio di dopamina nel cervello. Tiger Woods, (ricordate?) a causa dei ripetuti tradimenti alla moglie ha finito per ricoverarsi in una clinica per disassuefarsi dalla sua dipendenza da sesso. Già perché questa patologia è stata individuata, studiata e volendo accuratamente trattata dal punto di vista psichiatrico. Si tratta di una problematica compulsiva, un’ossessione. Ma non confondiamo le cose, perché lo studio americano, parla di semplici scappatelle.

Un rimedio per perdere peso? Un antica pianta di origine medievale

Molti sono stati i suggerimenti per perdere peso: dalle diete miracolose ai lucidalabbra togli-fame. Per quasi un secolo abbiamo speso del tempo alla ricerca del ritrovato miracoloso e ora invece giunge la notizia che forse il rimedio ce l’avevamo sotto il naso, dal medioevo addirittura.

Secondo il Daily Mail, alcuni esperti in studi medioevali stanno combattendo per ristabilire sul territorio delle brughiere con piante di pisello, che potrebbero contribuire nel ridurre l’ obesità. E non sarebbe nemmeno una novità.

Il nuovo corpetto di Dolce e Gabbana: per avere un vitino da vespa senza chirurgia plastica

Se il desiderio di avere un vitino da vespa vi assale ma non trovate il modo di realizzare il vostro sogno non ricorrete alla chirurgia estetica ma correte nella boutique di lusso che vi è più vicina! Il nuovo corsetto di Dolce e Gabbana sarà la vostra nuova arma segreta per sfoggiare un punto vita stile Scarlett O’Hara.

Il bustier è caratterizzato da un elegante design metallico stile cintura di castità, accompagnato anche da una chiave (tanto per rimanere in tema!); la cintura poi si stringe con dei lacci sulla schiena fino a far raggiungere a chi lo indossa una circonferenza di circa 23 pollici (60 cm). Il conforto ovviamente non fa parte della cintura!

Il reporter del Daily Mail Kate Faithfull scrive:” La cintura di certo segna un bel punto vita tuttavia non credo che possa essere confortante per le donne. Ho avuto di certo una diminuziono della mia circonferenza ma semplicemente spostando il grasso tra il petto ed i fianchi“.

Origine degli occhi blu: dalla ricerca scientifica una nuova spiegazione

Occhi Blu: Blue eyes,baby’s got blue eyes. Like a deep blue sea on a blue, blue day… Così cantava John Anderson nella celebre Blue eyes e non è certo l’unico cantante, artista, poeta, a rimanere incantato da una Musa dagli occhi celesti. Questo colore è legato connotativamente ad un’idea di purezza, innocenza: azzurro è il colore del cielo, degli occhi degli angeli nelle rappresentazioni pittoriche, della Venere iconografica, della donna angelicata dei poeti stilnovisti.

Ma esiste una spiegazione scientifica per gli occhi azzurri? Secondo una recente ricerca pubblicata sul Daily Mail e condotta da scienzati dell’Università di Copenhagen (dove avere gli occhi chiari non è certo una rarità), il colore azzurro degli occhi deriva da una mutazione genetica che risale a circa 10000 anni fa. Lo studio, pubblicato sul periodico Human Genetics, dimostra il verificarsi di una singola mutazione in un gene chiamato OCA2. La mutazione sarebbe avvenuta in una sola persona, abitante le coste del Mar Nero e avrebbe causato la cessazione di produzione del pigmento castano, modificandolo in blu.