Dismorfofobia, ovvero vedersi brutti e preoccuparsene troppo

La dismorfofobia (dal greco dis – morphé, forma distorta e phobos, timore) è uno specifico tipo di fobia che nasce da una visione distorta del proprio aspetto fisico, innescata da un’eccessiva ed ossessiva preoccupazione della propria esteriorità.
Nei soggetti colpiti provoca un forte stress emozionale e non pochi problemi a relazionarsi. Spesso la paura di non piacere e la scarsa autostima portano all’isolamento sociale e ad una profonda chiusura in sè stessi e nelle proprie insicurezze.
Le persone affette da dismorfofobia sviluppano comportamenti fobico-ossessivi altamente rischiosi per la salute psico-fisica, sfociando in anoressia e bulimia in più di un caso.
Ad esserne maggiormente colpiti gli adolescenti, sia maschi che femmine, in cui è basso il livello di autostima e la sicurezza di sè.

Quali sono le cause della prolungata erezione del pene, in assenza di interesse sessuale?

Il priapismo è la prolungata erezione del pene, in assenza di interesse sessuale.
Ne sono affette le persone di sesso maschile colpite da anemia falciforme, una malattia genetica del sangue in cui i globuli rossi circolanti, in condizioni di bassa tensione di ossigeno, assumono una forma irregolarmente cilindrica spesso ricurva che assomiglia ad una mezzaluna o una falce.

Il priapismo è una patologia considerata molto grave perchè è associata alla diminuzione del flusso sanguigno al tessuto erettile, che può arrecare seri danni, tra cui la disfunzione erettile e in alcuni casi può provocare addirittura l’impotenza.

I geni della rigenerazione, ovvero autoricostruirsi gli organi, dalle dita al…pene!

Gli scienziati stanno studiando i segreti degli esseri viventi che ricostruiscono i loro organi, per applicarli sull’uomo.
Tutte le specie hanno i geni per rigenerarsi, anche l’uomo, soltanto che nel caso della specie umana non si è ancora capito bene come attivarli.

Per ora esiste il caso di uomo che è riuscito a farsi ricrescere il dito di un centimetro in un mese. Si chiama Lee Spievack (nella foto), ha 65 anni e nel 2005 perse un pezzo del dito medio destro.
Fortuna volle che suo fratello Alan, chirurgo ad Harvard, fosse anche il fondatore della Acell Inc, azienda che produce una polverina di estratto di vescica di maiale che serve a curare le ferite e a rigenerare le cartilagini. Ebbene, applicandola sul dito ferito, Lee Spievack lo vide ricrescere in appena un mese.

Pene Piccolo? Ecco i dieci peni più piccoli dello star system.

Peni piccoli.

Si dice che non esistano piccoli attori, ma solo piccole parti. Niente di più vero, a quanto pare anche i grandi attori non sempre sono super-dotati! Sembrerebbe che alcune celebrità maschili idolatrate come sex symbol, sotto i pantaloni -parliamo del pene, l’organo sessuale maschile –  abbiano poco da offrire!

Spesso sono ex mogli e fidanzate tradite a mettere in giro le cattive voci, e questo potrebbe farci dubitare della loro veridicità, se non fosse che alcuni sono stati fotografati nudi dagli impietosi fotografi, non lasciando adito a dubbi.
Saranno contenti i maschietti comuni mortali, e ancor di più gli uomini che si fanno complessi sulle dimensioni del loro pene. Ma immagino sarete curiosi di sapere nomi e cognomi dei meno dotati di Hollywood…e allora non vi faccio aspettare.