Corsa, 3 miti da sfatare

La corsa è uno degli esercizi fisici che più dà modo ai suoi appassionati di rafforzare l’organismo e rimettersi in forma. Ma vi sono almeno 3 miti da sfatare sulla sua natura e sulle eventuali problematiche ad essa connessa. Vediamole insieme.

Alzheimer, prevenzione con la corsa

Si può prevenire l’Alzheimer correndo? Uno studio condotto dai ricercatori statunitensi dell’Università del Kentucky evidenzia i benefici della corsa sul cervello: questo tipo di attività fisica infatti sarebbe in grado di contribuire alla formazione di nuove cellule cerebrali, importanti per allontanare l’avvento di una serie di malattie legate al sistema neurologico.

Orticaria da jogging causata da mutazione genetica

Si chiama orticaria da jogging ed è un disturbo di cui soffrono moltissime persone durante la corsa: si avverte forte prurito, che non tende a passare mai se non dopo avere fatto la doccia, e a questo si associa mal di testa e vampate di calore. La causa? Una mutazione genetica.

8 benefici della corsa

Vogliamo parlare di 8 benefici della corsa, ovvero di tutte quelle motivazioni che dovrebbero spingere una persona perlomeno a prendere in considerazione l’idea di scegliere il correre come attività fisica preferita.

Correre troppo fa male al cuore?

Correre troppo fa male al cuore? E’ questo il risultato di una ricerca condotta dagli scienziati del Frederiksberg Hospital di Copenhagen e pubblicata dal Journal of American College of Cardiology. Secondo lo studio, esagerare con il jogging aumenterebbe il rischio di essere colpiti da malattie cardiache.

Nefrite da iga, fare sport è pericoloso?

Richiesta di Consulto Medico
Ho questa patologia dal 1995, nefrite da iga, in tratttamento con delle dosi minime di cortisone 2,5 mlg. al gg: è sotto controllo con ottimi risultati. Sono uno sportivo ed in particolare faccio il podista con svolgimento di alcune maratone, volevo sapere se lo sforzo fisico aggrava la malattia, se puo danneggiare la funzionalità renale?Grazie e saluti”.

L’alimentazione corretta per chi va a correre

Per chi ama la corsa e non ci rinuncia mai durante la giornata ecco che l’alimentazione riveste un ruolo principale e fondamentale per fare il pieno di energia e canalizzarla poi nel modo migliore attraverso l’attività fisica. E allora, a seconda del momento in cui decidete di andare a correre, occorre fare scelte diverse in materia di cibo.

Midnight Run 2012, una corsa per dire stop all’AIDS: il 16 Marzo a Milano

Una corsa notturna per favorire il benessere e contrastare l’aids? “Corri e vivi positivo” è lo slogan che accompagna la manifestazione MidNight Run la particolare gara non competitiva che si svolgerà a Milano nella notte tra il 16 ed il 17 Marzo 2012. Fare sport è un ottimo mezzo per prevenire numerose malattie, soprattutto quelle non trasmissibili, come ha evidenziato l’OMS in occasione della Giornata Mondiale contro il cancro, ma stavolta correre, significa anche contribuire a prevenire l’infezione da hiv e dunque l’Aids.

Runners: consigli per cominciare a correre

 

Dopo aver puntato i riflettori sul semplice gesto del camminare, magari velocemente, con costanza, senza indulgere a soste continue davanti alle vetrine (quello si chiama shopping e non fa bene né alla salute né al portafogli) proviamo a ve­dere cosa bisogna fare per iniziare a correre. Non che sia indispen­sabile diventare dei podisti (o run­ners o joggers, a seconda dei casi e del vocabolario che si usa) ma se già da due mesi avete comin­ciato a fare attività fisica, arrivando a camminare velocemente, senza fare molta fatica e riuscendo per­sino a conversare, avrete capito da soli che è arrivato il momento di correre.

 Ve lo chiedono le vostre gambe, ve lo chiede espres­samente il vostro corpo, che lo vo­gliate o meno. I consigli che mi sento di darvi sono semplici, basilari, vorrei dire di buon senso. Per ora accontentatevi di prendere confidenza con il terreno, con le scarpe, con il sudore, le endorfine, la fatica iniziale. Se arrivate da un periodo di walking già dovreste avere i muscoli rodati e limitare al minimo i possi­bili fastidi a polpacci, tendini, ginocchia, essendo quella della corsa una pratica sportiva che ne­cessita di adattamenti importanti per il fisico.

Di che sport sei? Scegli quello che fa per te


Non sapete decidere quale sport sia più adatto a rimettervi in forma? Vediamo, allora, come bicicletta, passeggiate, nuoto, tennis, pallavolo e corsa possono adattarsi alle vostre esigenze.
Bicicletta per tonificare le gambe: i muscoli si tonificano e si rinforzano in modo armonioso, in particolare quelli degli arti inferiori. Le articolazioni di anche, ginocchia e caviglie si mantengono sane ed efficiente. Ad andatura normale un’ora consente di bruciare circa 210 calorie. E’ indicato per persone in sovrappeso ma non per chi è affetto da gravi cardiopatie.

Tennis per cancellare lo stress: potenzia la resistenza, l’agilità, la velocità e la prontezza di riflessi. Migliora la coordinazione. Fa bruciare 380 calorie all’ora. E’ consigliato per chi desidera sviluppare le spalle e tonificare bicipiti e tricipiti ma è sconsigliato per chi ha problemi articolari e soffre di scoliosi.

Primavera a tempo di running

Fa bene alla salute, costa poco e non richiede particolari capacità tecniche. I vantaggi della corsa su tutti gli altri sport sono imbattibili, soprattutto ora che la primavera incalza e i parchi cittadini diventano invitanti palestre all’aperto. Dal professionista all’operaio, dal manager alla casalinga, dallo studente al pensionato, finalmente il variegato popolo del running può dire addio all’ angusto tapis-roulant di casa e riaffacciarsi sui vialetti dei parchi e gli sterrati di campagna.

Un happening che si consuma soprattutto nel week-end ma che in realtà non conosce soste neppure nei giorni feriali, specialmente il mattino presto o la sera. «Il running è uno dei metodi più economici, semplici e piacevoli per praticare lo sport — commenta Livio Luzi, preside della facoltà di Scienze motorie dell’ Università statale di Milano e ordinario di endocrinologia – ma va praticato quando c’è meno traffico e la qualità dell’aria è migliore».

E’ noto, infatti, che l’aumento dell’attività respiratoria a causa dello sforzo fisico aumenta la capacità di penetrazione nell’organismo di inquinanti atmosferici come polveri sottili, monossido di carbonio e ozono. Ma l’ ora in cui correre, non è l’unica regola da seguire se non si vuole incorrere in brutte sorprese come fastidiosi mal di schiena o dolori al ginocchio. «La sport fa male se viene fatto applicando il metodo del fai da te completo, a qualunque età», sostiene Luzi.