Trapianto cardiaco, sostituito da “lifting al cuore”?

Un vero e proprio lifting del cuore a sostituzione di un trapianto cardiaco, con una tecnica mininvasiva e senza aprire il torace del paziente. Alle Molinette di Torino è stato sperimentato con successo un nuovo approccio terapeutico per la cardiomiopatia ischemico-dilatativa e l’aneurisma.

App liposuzione Barbie eliminata dagli store

L’app che sottoponeva a liposuzione  e ritocchi estetici la Barbie è stata ritirata dagli store online. Negli ultimi giorni l’attenzione mondiale si è focalizzata su questo programma per smartphone che diciamola tutta, è apparso poco educativo e di cattivo gusto.

Togliere le rughe con lo smart lifting: l’esperta ci spiega di cosa si tratta

Rughe addio grazie allo “Smart Lifting” ovvero un piccolo lifting dai grandi risultati. La tecnologia oggi offre uno strumento in più a chi vuole un viso privo di rughe e di cedimenti dei tessuti, tipici degli anni che passano. Lo smart lifting è una di queste soluzioni che si avvale di ben tre diverse metodiche e strumentazioni già in uso nella chirurgia e medicina estetica: in un’unica seduta (della durata massima di 90 minuti) è possibile coniugare il lipofilling a al laser lipolisi e a quello CO2. Ci spiega come la dottoressa Patrizia Gilardino chirurgo plastico associata alla Sicpre (Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica).

Chirurgia estetica: ecco la Miss 2010

Una Miss con tutte le carte in regola, anzi le misure, per essere precisi. Il suo seno abbondante e florido è frutto di una mastoplastica additiva (ovvero di un aumento di volume) e per questo motivo Erzebet  Gergely ha potuto partecipare e vincere al concorso per Miss Chirurgia Estetica 2010.

L’evento si è svolto a Rimini nello scorso week-end e, alla sua seconda edizione sembra ormai aver sdoganato pubblicamente la bellezza ottenuta grazie al chirurgo.

Una cosa appare però subito evidente: la vincitrice del concorso è una splendida donna! Erzebet è bionda, occhi azzurri, 41 anni ben portati anche grazie al fisico atletico (tra i suoi hobby c’è il ballo). E’ di origine ungherese, ha una figlia di 19 anni e risiede a Montesilvano (Pescara). Un seno decisamente in evidenza, ma che non contrasta, anzi è perfetto sul suo metro e novanta centimetri d’altezza!

Medicina estetica: anche nella terza età

Anche gli ultrasettantenni ricorrono alla chirurgia e alla medicina estetica. E’ uno dei dati presentati nel corso del XXXI congresso nazionale della Società Italiana di Medicina Estetica (Sime) di cui vi abbiamo già parlato. La notizia ci può stupire, ma non deve assolutamente meravigliarci. Le cose negli ultimi anni sono decisamente cambiate e così i canoni estetici.

Pensiamo ad esempio alla televisione e a quando le annunciatrici sugli “anta” sono state sostituite, da giovani creature. Oggi, la conduzione di importanti programmi televisivi, è affidata a meravigliose cinquantenni, che non disdegnano di farsi fotografare senza veli, magari per una giusta causa. E’ accaduto ad esempio con Barbara D’Urso che lo ha fatto per ricordare l’importante ruolo della prevenzione nella salute.

Incontinenza e prolasso nelle donne: nuove tecniche chirurgiche

 

La gravidanza, il parto, il sovrappeso, gli ormoni e la menopausa: sono tutti fattori di rischio urogenitali per la donna. Circa 3 milioni di italiane dai 50 anni in su soffrono di prolassi uro-genitali ed incontinenza da sforzo (IUS). Sono dati emersi nel recente Congresso italiano di Urologia che si è svolto a Milano. Si tratta di un problema serio, soprattutto dal punto di vista emotivo e sociale, che rischia di isolare quelle donne che già hanno difficoltà ad accettare il tempo che passa. 

La questione però forse sta nella corretta informazione. Non tutte le donne si rivolgono ad uno specialista, per pudicizia ed imbarazzo, ma soprattutto perché non conoscono le nuove possibilità chirurgiche per la risoluzione di questi disturbi. Nel passato infatti  per trattare un prolasso genitale (cioè l’abbassamento della sede naturale di una o più strutture pelviche: vescica, utero e retto), si procedeva con una isterectomia ovvero con l’asportazione totale dell’utero e le sue immediate complicanze.

Cellulite addio con un nuovo laser

Se vi dicessero che esiste, una tecnica mini-invasiva, capace di sciogliere la cellulite ed il grasso in eccesso di tutto il corpo, viso compreso, rassodando ed effettuando contemporaneamente un lifting? Magari? Ebbene esiste e si chiama Accusculpt. Da circa un anno è utilizzata in Italia, dove sono stati trattati con successo già 86 pazienti. In Europa ha ottenuto la certificazione di sicurezza e negli Stati Uniti è stata già impiegata  su più di 2000 pazienti.

Questa nuova arma per combattere la cellulite si avvale del laser 1444 nm (dal numero dei nanometri della lunghezza d’onda utilizzata) molto più preciso e potente delle attuali tecniche di liposuzione. E’ privo di grandi effetti collaterali a tal punto da poter essere utilizzato anche sul viso (ed in questo caso assume il nome di Acculift) e su quelle aree difficili come l’interno coscia, il sottobraccio o il ginocchio.

Silouhette-lift appende le rughe a un filo

Con l’introduzione in chirurgia di tecniche avanzate, tali da permettere di eseguire interventi complessi con strumenti di precisione riducendo i rischi legati all’intervento, il mondo della medicina ha fatto davvero passi da gigante. Grazie all’intuizione del chirurgo americano Nicanor Isse, professore presso l’ University of California, a Los Angeles, sono stati realizzati i primi sistemi che utilizzano la tecnica endoscopica e sempre grazie a lui questa metodologia è stata utilizzata anche dalla chirurgia estetica.

Amata dalle star dello spettacolo, ma apprezzata anche dalle donne comuni, la chirurgia estetica permette di correggere qualche piccolo difetto e grazie all’innovazione tecnologica, oggi, è possibile ottenere, ad esempio, il profilo desiderato senza doversi sottoporre a pesanti interventi e, a volte, senza nemmeno bisogno del bisturi. Per attenuare le rughe e i segni d’espressione, primi testimoni del tempo che passa, non si è più obbligati a ricorrere al lifting, ma vi è una nuova tecnica, Silouette-Lift che grazie a delle endosuture, in meno di 45 minuti garantisce un ottimo risultato.

Donne italiane le maggiori utilizzatrici di filler in Europa

Filler sì, filler no. Lifting forse. Le italiane non vogliono più invecchiare, e decidono di rimanere sempre più giovani grazie alla scienza. Secondo una recente ricerca effettuata dalla Sime, la Società Italiana di Medicina Estetica, le donne italiane sono le consumatrici più assidue di filler in Europa, e le seconde nel mondo, dietro soltanto alle statunitensi.

I filler sono piccole iniezioni riempitive che vengono effettuate direttamente sottopelle sul volto per riempire una ruga o per aumentare il volume della pelle stessa. Composte da acido ialuronico, botox o collagene, queste siringhe possono essere temporanee (l’effetto sparisce dopo poco tempo) o permanenti, e danno l’impressione che la pelle sia sempre giovane, togliendo qualche anno dal viso delle nostre care signore che così, dimostrando 10 anni di meno, sentono di averli persi effettivamente anche sulla carta d’identità.

Prova costume. E’ boom di uomini dal chirurgo

Sembra che siano sempre più numerosi gli uomini italiani che si rivolgono al chirurgo plastico per affrontare con successo la famigerara “prova costume”, l’ineluttabile appuntamento estivo un tempo atteso e temuto esclusivamente dalle donne.

Ma i tempi sono cambiati e dopo essersi appropriati del leggendario pretesto, anch’esso un tempo tutto al femminile:“Stasera no cara, ho mal di testa”, gli uomini hanno anche cominciato pian piano a prendere confidenza con la chirurgia estetica, soprattutto per dire addio agli accumuli di grasso sull’addome, quella che teneramente chiamiamo pancetta, e intorno ai fianchi, ovvero le tutt’altro che romantiche “maniglie dell’amore”.