Lievito di birra. Contro l’acne, ma non solo

Conosciuto soprattutto per i suoi effetti benefici sulla pelle grassa e acneica il lievito di birra può in realtà essere utilizzato per molti altri scopi sia cosmetici che alimentari, oltre che terapeutici. Costituito da una colonia di funghi microscopici residuo della fermentazione della birra, ma presente anche sulla buccia di alcuni frutti, il lievito di birra è molto ricco di proteine e carboidrati, contiene pochissimi grassi ed è ricco di vitamine del gruppo B soprattutto B1 e B12, oltre che di sali minerali e di oligoelementi come potassio, calcio, fosforo, zinco, cromo, ferro, selenio. Grazie al contenuto di vitamine del gruppo B e di proteine è particolarmante indicato come integratore nelle diete vegetariane che possono risultare carenti di questi principi, mentre i sali minerali ne fanno un ottimo integratore nella dieta degli sportivi. Utile per riequilibrare la flora batterica intestinale, è quindi indicato in caso di colite e di stipsi e per depurare l’organismo.

Primavera a tempo di running

Fa bene alla salute, costa poco e non richiede particolari capacità tecniche. I vantaggi della corsa su tutti gli altri sport sono imbattibili, soprattutto ora che la primavera incalza e i parchi cittadini diventano invitanti palestre all’aperto. Dal professionista all’operaio, dal manager alla casalinga, dallo studente al pensionato, finalmente il variegato popolo del running può dire addio all’ angusto tapis-roulant di casa e riaffacciarsi sui vialetti dei parchi e gli sterrati di campagna.

Un happening che si consuma soprattutto nel week-end ma che in realtà non conosce soste neppure nei giorni feriali, specialmente il mattino presto o la sera. «Il running è uno dei metodi più economici, semplici e piacevoli per praticare lo sport — commenta Livio Luzi, preside della facoltà di Scienze motorie dell’ Università statale di Milano e ordinario di endocrinologia – ma va praticato quando c’è meno traffico e la qualità dell’aria è migliore».

E’ noto, infatti, che l’aumento dell’attività respiratoria a causa dello sforzo fisico aumenta la capacità di penetrazione nell’organismo di inquinanti atmosferici come polveri sottili, monossido di carbonio e ozono. Ma l’ ora in cui correre, non è l’unica regola da seguire se non si vuole incorrere in brutte sorprese come fastidiosi mal di schiena o dolori al ginocchio. «La sport fa male se viene fatto applicando il metodo del fai da te completo, a qualunque età», sostiene Luzi.

L’ insonnia vi assale? Colpa dei soldi, troppo pochi!

In Gran Bretagna la gente si sveglia nel cuore della notte soprattutto per una ragione: i soldi. Non perché sta sognando di vincere alla lotteria ed è euforico, né perché non sa come spenderli, ma per il motivo opposto: la loro mancanza. La conseguenza? Due terzi dei cittadini britannici dorme quasi sempre molto meno delle otto ore tradizionali. Le preoccupazioni di natura finanziaria sono la causa scatenante dei problemi di insonnia.

Se prendiamo tutti i casi di inglesi che non riescono a dormire, o che comunque dormono solo 4 o 5 ore per notte, più della metà soffre per ragioni di denaro. E nella fascia di età tra i 25 e 34 anni i problemi di soldi rovinano il sonno addirittura due volte su tre. A rivelarlo è stato un sondaggio dell’istituto demoscopico YouGov.

Diversamente la criminalità non fa paura: strettamente connesso al problema denaro è anche lo stress dovuto al caro-energia, che tiene svegli moltissimi inglesi, ed in particolare la metà delle persone sopra i 55 anni. A soffrire di più per le bollette di luce e gas sempre più salate sarebbero, in particolare, gli anziani con pensioni modeste.

E lo smog manda il cervello in fumo….

Niente è al riparo dai gas di scarico delle auto! Polmoni, cuore e ora anche cervello: lo smog danneggia infatti l’attività cerebrale. Rischia chi vive nelle metropoli. La scoperta è dello studioso Paul Borm dell’Università olandese di Zuyd, che ha monitorato con l’elettroencefalogramma l’attività cerebrale di un gruppo di volontari esposti a livelli di inquinamento atmosferico simili a quelli respirabili normalmente nel traffico cittadino delle ore di punta.

Borm ha scoperto che lo smog altera l’attività già dopo mezz’ora. Non solo: il danno aumenta se cresce il tempo trascorso nel traffico. Secondo quanto riferito sulla rivista Particle and Fibre Toxicology, il cervello reagisce all’inquinamento come in risposta allo stress e gli effetti perdurano anche nelle ore successive all’ esposizione.

Crediamo – hanno concluso gli autori del lavoro – che questi effetti siano in gran parte determinati dalle particelle fuligginose presenti nelle emissioni dei motori diesel“. Durante l’ esperimento i ricercatori hanno ricreato due ambienti ben distinti: uno con aria pulita e l’altro piena di aria satura di smog. Dopo solo 30 minuti i volontari chiusi nella stanza satura di gas di scarico hanno cominciato ad evidenziare segnali di stress; tuttavia i segnali di malessere sono durati anche nelle ore seguenti in cui i volontari non erano sotto l’effetto dei gas inquinanti.

Combattere la cellulite con i prodotti naturali. Qualche suggerimento

Esistono una molteplicità di rimedi naturali per arginare lo sgradevole problema della cellulite che affligge ben il 90% delle donne, presentandosi indipendentemente dall’età e, sembra incredibile ma è così, dal peso. Il disagio spesso legato a questo inestetismo si fa sentire più forte soprattutto in vista della bella stagione che ci sottopone, puntualmente, alla inevitabile “prova costume”. Per chi vuole prepararsi degnamente al tradizionale appuntamento ecco di seguito alcuni suggerimenti per combattere la cellulite in modo sano e naturale con prodotti facilmente reperibili in erboristerie e farmacie specializzate:

Utile per combattere la caratteristica “pelle a buccia d’arancia”, ma anche per concedersi un momento di relax, è il cosiddetto Bagno salato per il quale è possibile preparare un composto mescolando sale grosso con 10 gocce di olio essenziale di cipresso, 10 di olio di limone, 10 di geranio. Una volta pronto lasciare a riposo per qualche giorno in un recipiente di vetro ben chiuso, quindi, trascorso il tempo necessario versarlo nell’acqua del bagno e immergersi per circa venti minuti. In alternativa versare direttamente nell’acqua tre cucchiai di sale grosso, più tre gocce di essenza di rosmarino, tre di olio di cipresso e tre di arancio. Per chi invece non ha tempo di concedersi il lusso di un bagno può essere utile frizionare la pelle con un guanto di crine prima o durante la doccia, alla quale far seguire un massaggio con un olio drenante.

Rapex: il condom antistupro

Il condom antistupro si chiama Rapex, il prototipo è stato lanciato sul mercato il 31 agosto del 2005, a Kleimond, in Sud Africa.
E’ quì che infatti si registra un numero abnorme di stupri, ogni 24 secondi una donna viene violentata.

Vediamo nei dettagli quali sono le sue caratteristiche e come si usa.
Si tratta di un dispositivo di lattice, dalle dimensioni di un tampone, che si infila nel canale vaginale come un diaframma. Si inserisce grazie ad un tampone applicatore, e si toglie utilizzando lo stesso applicatore.
Durante la penetrazione le microscopiche setole dentate che lo ricoprono si conficcano nelle carni del violentatore, provocandogli pene infernali. Il dolore è talmente acuto e forte che la donna ha il tempo di fuggire e chiedere aiuto, dal momento che lo stupratore è ko per qualche tempo, e non riesce a reagire.

Sifilide. In aumento i casi in tutta Europa

Si credeva di averla ormai sconfitta non solo grazie all’avvento della Penicillina, ma anche alle campagne di informazione, sempre più numerose, sul sesso sicuro. Ma la Sifilide, ha purtroppo ricominciato a far parlare di sè anche nei paesi occidentali. Basti pensare che in Gran Bretagna si è passati dai 307 casi del 1997 ai 3702 del 2006 e in Italia il numero di infezioni è salito dai 150-200 casi ai 1500 casi all’anno. A lanciare l’allarme uno studio americano condotto dai Centers for Disease Control di Atlanta pubblicato sulla rivista Lancet Infectious Disease.

L’aumento dei casi di sifilide si deve, secondo gli esperti, alla diffusione dei rapporti a rischio fra gli uomini. Si tratta infatti di una malattia a trasmissione prevalentemente sessuale causata da un batterio (il Treponema Pallidum) che si insinua nell’organismo attraverso le mucose. La malattia si evolve sostanzialmente in tre stadi: nel primo compaiono sintomi quali lesioni localizzate sul pene e sull’ano negli uomini, mentre nelle donne queste interessano la vulva, il collo dell’utero e il perineo.

Le lesioni (i cosiddetti sifilomi) possono anche comparire sulle labbra e nelle mucose della bocca e dell faringe. Nel secondo stadio fanno la loro comparsa eruzioni cutanee sparse su tutto il corpo accompagnate, nella metà dei casi, da ingrossamento dei linfonodi e, in una percentuale del 10%, da lesioni oculari, ossee, renali ed epatiche. In questa fase possono fare la loro comparsa malessere generale, cefalea, nausea, dolori alle ossa affaticabilità.

Evolence. Il nuovo filler che non richiede test cutanei preliminari

Si chiama Evolence il nuovo filler a base di collagene suino già diffuso da qualche tempo e presentato ufficialmente in Italia lo scorso anno all’EADV (European Academy of Dermatology and Venereology) di Firenze. Il filler cosiddetto porcino, può essere impiegato, al pari dei già noti filler a base di collagene bovino o acido ialuronico, non solo per cancellare dal viso i segni del tempo e ridurre le cicatrici ma anche per ridare tono agli zigomi e rendere le labbra più carnose o ridefinirle rimodellandone i contorni. Secondo gli esperti questo tipo di collagene è quello più simile al collagene naturalmente prodotto dall’organismo umano e a questo deve lo straordinario vantaggio di poter essere impiegato anche senza svolgere test cutanei preliminari. Questo il risultato di uno studio clinico condotto negli Stati Uniti e presentato di recente al Congresso della International-Italian Society o Plastic-Aesthetic and Oncologic Dermatology (ISPLAD) svoltosi a Milano.

Endolipolisi. La liposuzione non chirurgica

Liposuzione addio? Sicuramente no, ma sta diffondendosi in maniera sempre più capillare l’endolipolisi, una tecnica alternativa per ritrovare una figura armoniosa attraverso il modellamento del corpo senza ricorrere ad interventi di chirurgia che possono rivelarsi invasivi e dolorosi. L’endolipolisi è un intervento di medicina estetica non chirurgico che prevede l’iniezione, direttamente sulle zone che presentano accumuli di adipe di una sostanza, la fosfadilcolina, in grado di sciogliere il grasso in eccesso agendo direttamente sugli adipociti, le cellule responsabili dell’accumulo di grasso, distruggendoli.
Al contrario della liposuzione, che viene praticata inserendo, attraverso piccole incisioni sulla pelle, un sottile tubicino di acciaio collegato ad un apparecchio che aspira il grasso, l’endolipolisi consiste in una serie di infiltrazioni, in genere quattro, effettuate con un ago sottilissimo, quasi come una normale “puntura”.

Quali sono le cause della prolungata erezione del pene, in assenza di interesse sessuale?

Il priapismo è la prolungata erezione del pene, in assenza di interesse sessuale.
Ne sono affette le persone di sesso maschile colpite da anemia falciforme, una malattia genetica del sangue in cui i globuli rossi circolanti, in condizioni di bassa tensione di ossigeno, assumono una forma irregolarmente cilindrica spesso ricurva che assomiglia ad una mezzaluna o una falce.

Il priapismo è una patologia considerata molto grave perchè è associata alla diminuzione del flusso sanguigno al tessuto erettile, che può arrecare seri danni, tra cui la disfunzione erettile e in alcuni casi può provocare addirittura l’impotenza.

Le diete sprint fanno male alla salute?

La primavera è da molti considerata il periodo più indicato per cominciare una dieta. Tuttavia, la gran parte degli italiani non si rivolge ad uno specialista per smaltire i chili di troppo accumulati durante l’inverno ma preferisce fare ricorso a una dieta fai da te. Gettonatissime sono le cosiddette diete sprint, ne sono un esempio le diete monotematiche (dieta della banana, del minestrone, della ciliegia, solo per citarne alcune) insieme alla diete che promettono di far perdere 2 chili in sette giorni e simili. Da tempo però gli esperti mettono in guardia contro questo tipo di rimedi per il sovrappeso considerati non solo inutili ma anche dannosi. Infatti privarsi, anche solo per poco tempo, di alcuni alimenti avrebbe un effetto deleterio sulla salute causando non solo sintomi fisici, primi fra tutti gli squilibri metabolici, ma anche psichici come stati d’ansia e depressione. Ciò nonostante la popolarità delle diete sprint sembra non risentire in alcun modo degli avvertimenti di dietologi e nutrizionisti.

Siete mai stati a un Botox Party?

C’era una volta l’usanza, e forse c’è ancora, di organizzare dei piccoli rinfreschi o riunioni pomeridiane tra amiche e vicine di casa per vendere pentole, aspirapolveri o cosmetici. A rispolverare, e rivedere, questa simpatica consuetudine è arrivato il Botox Party, l’ennesima stranezza giunta da oltreoceano. Si tratta di una festa nella quale l’ospite d’onore è il botulino, la tossina miracolosa che promette di cancellare dal viso i segni del tempo. Nel corso di questo tipo di festa infatti gli invitati hanno la possibilità di farsi iniettare del botox da un chirurgo estetico giunto appositamente per l’occasione. Questo almeno quanto avviene negli Stati Uniti, anche se voci sempre più insistenti insinuano che i Botox Party siano diventati una consuetudine anche nel nostro paese.

Yotox: addio botulino! Dagli States yoga contro le rughe del viso

Con l’avanzare dell’età, i segni del tempo iniziano ad essere visibili nelle rughe del viso. Uno dei punti più colpiti dal trascorrere degli anni è il contorno occhi.
Per proteggere lo sguardo da antiestetiche zampe di gallina e borse sotto gli occhi, occorre indossare sempre lenti polarizzate contro l’azione dei raggi ultravioletti; dormire a sufficienza (almeno 8 ore a notte) per evitare la formazione di occhiaie; consumare cibi ricchi di vitamina A, come mirtilli, ribes, more, lamponi; bere molto; ridurre fumo ed alcool.

Oggi poi esiste una nuova tecnica per ringiovanire il contorno occhi, senza ricorrere al botulino. Si chiama Yotox e arriva dagli States.

Bosu. Lo step che verrà

Non finiscono mai di stupirci (o, qualche volta, di farci sorridere, perchè no?) le novità che provengono da oltreoceano. L’ultima, anche se in realtà esiste già da tre anni, direttamente dai più esclusivi centri per il benessere e il fitness di New York, è il Bosu (Both Side Up) Balance, una piccola pedana circolare (il diametro è di circa 60 centimetri) dotata di una morbida cupola in gomma sulla parte superiore, inventata da David Weck, utile per tonificare i muscoli di gambe e glutei oltre che per migliorare coordinazione ed equilibrio. Date queste sue caratteristiche il Bosu è un attrezzo che sta trovando molto impiego nella pratica della ginnastica cosiddetta proprioricettiva nella quale cioè ad essere conivolti non sono solo i muscoli ma anche la mente. La superficie instabile del Bosu, che può essere utilizzato da entrambe le parti, richiede infatti di dover mantenere l’equilibrio, soprattutto quando si lavora sulla parte piatta, mentre si svolgono i classici esercizi di tonificazione muscolare.